Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

30-01-2013

gestione di una treenne

Salve a tutti, mi chiamo maria ho 26 anni e sono mamma di due splendide bambine una di 3 anni e mezzo, e una di 1 anno da compiere tra pochi giorni. Il motivo per il quale scrivo è la mia 1 bambina Alessia,Da subito fin dai primi mesi di vita è sempre stata intrattenibile, piangeva sempre, strillava...Mano a mano che progrediva nella crescita era sempre peggio, adesso ha tre anni e le posso giurare che pur avendo 3 anni è in trattabile, la vuole vinta ad ogni costo, piange strilla si dimena con calci e pugni se le dico" alessia ti ho detto no"Nn le importa dv siamo ne con chi mi fa morire di vergogna, per addormentarsi ciuccia in modo energico il pollice destro e con la sinistra mi deve graffiare, o dare pizzicotti, sul braccio, alcune volte mi graffia anche il capo.Da 1 anno è arrivata martina la seconda bambina, ed è stato un continuare a precipitare giù, voglio questo voglio quelloFa' grandi pianti e capricci nn vuole andare all'asilo,Ed in ultimo nn le si può dire neanche una parola che se nn le va' risponderà solo cn urla e strilla...Sono disperata sn 3 anni che la rimprovero ma lei sembra non voler prp piegarsi fa sempre di testa sua... cosa posso fare come posso farmi capire da lei mi dicono che non so fare bene la madre altrimenti dovrei usare i ceffoni, ma io nn sono prp per questo tipo di insegnamento. ...vi prego rispondetemi grz mille
Risposta di:
Dr.ssa Silvia Garozzo
Specialista in Psicologia clinica e Psicologia e Psicoterapia
Risposta

Cara Maria, la soluzione non sono mai i ceffoni. chi le consiglia questo sbaglia. le botte non insegnano nulla. la sua bambina è ancora molto piccola ed in un'età in cui fa richieste in maniera forte perchè per la prima volta cerca di stabilire il suo esserci al mondo. inoltre, lei giustamente lo ha notato, l'arrivo della sorellina, per quanto sia il regalo più bello del mondo però è anche doloroso da gestire per una bimba così piccola poichè per forza di cose le toglie attenzione. provi a dire meno no possibile, mantenendoli solo per le cose strettamente necessarie ed anche a dedicare alla "grande" dei momenti solo vostri, senza la piccola. per il resto è faticoso ed impegnativo, la capisco, ma le sue piccole non possono avere madre migliore di lei. non stia a dar retta.

TAG: Psicologia | Salute mentale | Terapie
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!