14-03-2008

Grazie per l' attenzione volevo porle alcune

Grazie per l' attenzione volevo porle alcune domande riguardanti la cura che sto' seguendo per l'epatite C. Epatite contratta tramite trasfusione 1977. Riporto la lettera degli esami in data 18/01/2008. La paziente si è recata in visita a distanza di tre mesi dallinizio di un ciclo di terapia con PEG-IFN+Ribavirina. Peso attuale 59 kg(-6 dall'inizio della cura). Agli esami bioumorali del 9b gennaio l' emocromo appare caratterizzato da lieve anemia normocitica(GB 12.510/mmc,neutrofili 10.000/mmc,linfociti 1.680/mmc).transaminasi nella norma come anche gli indici di colestasi.HCV RNA quantitativo positivo,pari a 3.123 UI/ml(-3 log dal dosaggio pre-terapia). In considerazione del riscontro di lieve anemia e del calo ponderale riduciamo la dose di Rbavirina. Tale trattamento prevede la seguente posologia: .PEG-Intron 100 microgrammi per 1 volta alla settimana. .Ribavirina 200 mg 4 compresse al giorno(in precedenza prendevo 5 compresse causa perdita di peso mi hanno cambiato il dosaggio). In più seguo una cura di Filgastrim. Anche riguardo a questa cura riporto la lettera medica. Dagli esami Bioumorali del 29/10,abbiamo riscontrato nella paziente un sensibile calo leucocitico con neutropenia(GB 3.790/mmc,neutrofili 730/mmc,linfociti 2.310/mmc),probabile effetto collaterale del trattamento antivirale in corso. Si inizia quindi con una terapia di(Filgastrim) 1 fl sotto cute 2 volte la settimana. Tale terapia è stata interrotta 9/01/2008 in quanto gli esami andavano meglio,poi il 30/01/2008 ho ripreso la cura in quanto gli esami non andavano bene Leucociti 2.69. Dall'inizio della terapia ho come effetti collaterali: male alle gambe,alle articolazioni,alle ossa,mal di testa,calo di appetito,sbalzi di umore. Volevo chiedere se era tutto normale negli effetti collaterali che riscontro dopo cinque mesi di cura oppure se questi devono scomparire piano piano. E' normale che pur avendoci provato non riesco ad andare a lavorare e fare degli sforzi? informandomi ho visto che molti pazienti durante le visite sono stati sottoposti a biopsia del fegato,a me non è stata fatta e mi chiedo se sia meglio richiedere di farla per sicurezza. La ingrazio per la sua attenzione
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Gli effetti collaterale che riporta sono da considerarsi normali in corso di terapia con IFN/RBV. Non sempre essi scompaiono dopo i primi mesi; in alcuni soggetti persistono più a lungo. La biopsia epatica è ritenuta superflua per i paziente che presentano una infezione da HCv con Genotipo 2 o 3.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna