L’ESPERTO RISPONDE

Ho scoperto, in modo del tutto casuale, di avere

Ho scoperto, in modo del tutto casuale, di avere un angioma nel fegato (di circa 12 centimetri) ho consultato due medici specialisti nel settore e purtroppo la loro opinione contrasta nettamente. Per il primo non è necessario operare ,mentre per il secondo, visti i rischi dati dalla grandezza, l'operazione è necessaria e quasi urgente. Mi può aiutare a decidere cosa è meglio.Vorrei inoltre sapere ,se è possibile, quanti e quali sono i rischi di rottura, o sanguinamento dell'angioma?
Risposta del medico
Dr. Fegato.com
Dr. Fegato.com
Solitamente, l'angioma epatico più comune (quello asintomatico, rilevato occasionalmente durante un ecografia addominale) non ha bisogno di alcuna terapia. Infatti gli angiomi tendono a essere lesioni stabili nel tempo, asintomatiche, con scarsa o nulla tendenza all'aumento di volume ed ancora più remota possibilità di rottura. Quindi, l'unico provvedimento da intraprendere, in particolare nel caso di angiomi di dimensioni medio-piccole, è la sorveglianza periodica, con esami radiologici (ecografia) ripetuti annualmente o ad altri intervalli comunque regolari. Solo in pochi casi gli angiomi necessitano di terapia. Questi casi sono rappresentati principalmente da: presenza di sintomi sicuramente causati dall'angioma; accertata e documentata tendenza all'accrescimento volumetrico; una particolare posizione o conformazione dell'angioma (ad. es.: lesioni peduncolate); la rarissima eventualità che l'angioma si rompa; quando esiste un dubbio diagnostico con il tumore maligno. La terapia degli angiomi che lo richiedano è chirurgica e consiste nell' asportazione. La rimozione di un angioma dal fegato può essere eseguita mediante l'enucleazione: una resezione epatica: in altri casi, in particolare per quegli angiomi che arrivano ad occupare anche un intero emifegato, può risultare più agevole e sicuro per il paziente l'esecuzione di una vera e propria resezione epatica anatomica. L'estensione di questa resezione viene stabilita in base alla localizzazione dell'angioma nel fegato ed in base ai rapporti con le strutture vascolari epatiche. L'esecuzione di tali interventi in centri specializzati nella chirurgia epatica è sicura, comportando un rischio operatorio del tutto minimo. Nel suo caso riteniamo che non vi siano i presupposti dell’urgenza dell’intervento chirurgico, anche se la sua condizione clinica deve essere valutata nel suo complesso e non solo attraverso quanto riferisce nel quesito.
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Epatite B: la vaccinazione non è tutto!
Epatite B: la vaccinazione non è tutto!
3 minuti
Epatite B: la vaccinazione non è tutto!
Epatite B: la vaccinazione non è tutto!
12 minuti
Stitichezza da viaggio: i consigli da seguire in vacanza
Stitichezza da viaggio: i consigli da seguire in vacanza
3 minuti
Medici specialisti: una scelta non banale
Medici specialisti: una scelta non banale
5 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Roma (RM)
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Cagliari (CA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia
Spinea (VE)
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia
Cagliari (CA)
Specialista in Epatologia e Medicina interna
Roma (RM)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Medicina interna e Epatologia
Siracusa (SR)
Specialista in Gastroenterologia e Medicina interna
Pisa (PI)
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Siena (SI)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Medicina interna
Prov. di Varese
Specialista in Medicina interna
Roma (RM)