Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
L’ESPERTO RISPONDE

Il 18 gennaio 2006 sono stato colpito da infarto e

Il 18 gennaio 2006 sono stato colpito da infarto e la diagnosi è stata la seguente: IMA inferiore e venivo trombolisato con METALYSE, successivamente venivo ricoverato presso l'Ospedale Ferrarotto di Catania e venivo sottoposto ai seguenti accertamenti diagnostici e risultanze: ELETTROCARDIOGRAMMA: ritmo sinusiale a frequenza di 75 bpm, conduzione atrio-ventricolare regolare. Segni di pregressa necrosi a sede inferiore. ECOCARDIOGRAMMA: ventricolo sinistro con aci-discinesia del segmento basale della parete inferiore, normale per diametri cavitari e spessore parietale, funzione globale consevata (FE 55 %). Cavità destre nella norma. Valvole atrioventricolari e semilunari morfologicamente normali. Al doppler normale flussometria. Non segni ecocardiografici di versamento pericardico in atto. CORONAROGRAFIA : Coronarografia selettiva sinistra: si apprezza marcata ectasia del tratto prossimale e medio di IVA e Cx e Mo1 con rallentamento della fase di lavaggio. Coronarografia selettiva destra: vaso dominante, marcatamente ectasico nel suo tratto prossimale con trombosi diffusa nel tratto medio. Buona la periferia del vaso. Conclusone: Ectasia diffusa di IVA, CX e CDX. Successivamente venivo dimesso con la seguente terapia medica:
LANSOX 30 una cp la mattina
SELOKEN 100 un quarto di cp la mattina e la sera
TRIATEC 2.5 una cp la mattina
CARDIOASPIRIN 100 una cp dopo pranzo
SINTROM 4 mantenendo AP tra 25 e 35% ; e INR tra 2 e tre.
TORVAST 20 una cp la sera dopo cena
Tutto sembrava procedere per il meglio però tra giugno e luglio cominciai ad avvertire dei leggeri mal di testa con il dolore che andava progressivamente aumentando e dovevo assumere degli antinfiammatori quasi ogni due giorni, il 26 agosto venivo ricoverato presso la Divisione di Neurochirurgia dell'ospedale Cannizzaro di Catania e a seguito di TAC encefalo si evidenziava un ematoma cronico sub-durale cronico bilaterale sospendendo immediatamente l'assunzione di Sintrom 4 e Cardioaspirina 100 ( forse avevo sbattuto la testa, o era stato il SINTROM e la cardioaspirina?) il 1/09/06 sono stato sottoposto ad intervento chirurgico di craniectomia per svuotamento della raccolta ematica sub-durale cronica bilaterale, venivo dimesso il 20/09/06 con la seguente terapia:
Amplital cpr una cp due volte al dì per una settimana.
Fraxsiparina 0.4 ml fiala una volta al dì.
Pantopan cpr una cp al dì.
Gardenale 100 mg una cp al dì e continuare con il Seloken e il Triatec come sopra.
E continuare la terapia medica già praticata con esclusione della Cardioaspirina e del Sintrom Giorno 5/09/06 accusavo dei dolori al petto e ricoverato all'Ospedale Gravina di Caltagirone per IMA,e a seguito di fibrillazione sono stato anche defribillato, l'infarto fortunatamente si è risolto da solo in quanto i medici non hanno potuto intervenire con scoagulanti per il timore di causare altra emorragia cerebrale, infatti il 06/09/06 venivo trasferito nel reparto di Cardiologia dell'Ospedale Cannizzaro di Catania in maniera di affrontare il problema Cardiologico e Neurologico ed a seguito di TAC encefalo mostrava una modesta falda residua idroaerea in regione fronto-parietale a sinistra in quanto la ferita sinistra non si era completamente rimarginata e fuoriusciva del liquido, pertanto veniva risuturata la ferita. Ulteriore TAC successiva mostrava riduzione della falda idroaerea. Il 19/10/06 sono stato poi dimesso con la seguente terapia medica:
CORDARONE cp una cp due volte al dì per 10 giorni poi una volta al dì.
TRIATEC cp da 2.5 milligrammi una cp due volte al dì.
TENORMIN cp 1/4 di compressa due volte al dì.
FRAXIPARINA fl da 0.6 una fiala al dì.
GARDENALE da 100 milligrammi una compressa la sera.
VENITRIN cerotto da 5 milligrammi dalle 8.00 alle 22.00.
con controllo Neurologico e cardiologico da effettuare il 08/11/06 E’ sufficiente questa terapia per la patologia cardiaca di cui sopra? Esiste qualche esame specifico per valutare la resistenza dei vasi-capillari al fine di poter assumere altri scoagulanti o antiaggreganti? in attesa di risposta DISTINTI SALUTI.
Risposta del medico
Paginemediche
Paginemediche
La terapia cardioattiva è adeguata per proteggerlo da nuovi attacchi cardiachi. La scelta della Fraxiparina al posto del Sintrom è dovuta al rischio di nuovi episodi emorragici cerebrali che lei corre. Purtroppo questi eventi emorragici non sono prevedibili.
Risposto il: 07 Novembre 2006
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali