Dopo una gastrectomia totale con 7 linfonodi positivi è normale che degli oncologi non facciano la chemioterapia, per le seguenti cause?: - paziente (prima visita) in condizioni ps2 a causa della chirurgia; - paziente in discrete condizioni, ma dato che la TAC total body con e senza mdc era negativa è stato ritenuto che la paziente non fosse oncologica, bah; - la TAC total body successiva ha presentato una bellissima NECROSI in sede sottoepatica, ma a causa della birilubina alta non si è proseguito con la chemioterapia; - in questo frangente è stato impiantato, giustamente, un drenaggio biliare interno ed esterno con la speranza di fare la chemioterapia; - ultima visita oncologica paziente in stato ps3, si consiglia terapia di supporto.A questo punto io non devo essere incazzato nero? Si tratta di una vita umana, non di un oggetto sottoposto a tentativi che definirei inutili e di incompetenza assoluta. La mia domanda è: la chemioterapia si poteva fare? Io ritengo che si poteva fare eccome, proprio quando la tac total body era negativa e la paziente era in discrete condizioni di salute. Io non sono un medico, e gradirei una risposta di competenza. Grazie a tutti