02-05-2018

Infarto miocardico , coronopatia trivasale non suscettibile a rivascolarizzazione

Salve,

mia madre ottantenne e' diabetica e assume insulina, ha insufficienza renale cronica e da sei mesi fa dialisi tre volte la settimana. Circa due mesi fa ha avuto un infarto miocardico acuto con stemmi a sede inferiore , paziente con coronopatia trivasale e del tronco comune. Hanno provato a fare angioplastica coronarica ma e' fallita in quanto le arterie sono occluse quasi totalmente. Ora ha anche due volte al giorno fortissimi dolori alla schiena e assume carvasin sublinguale quando serve e deve mettere un cerotto di nitroglicerina 12 ore al giorno.

La domanda che pongo e' se si potrebbe riprovare in centri d'eccellenza a rifare angioplastica ( intervento bay pass e' stato escluso dai cardiologi per le sue condizioni) e se esiste una terapia del dolore per far sì che non soffra tanto di questi dolori che i medici attribuiscono al cuore. Grazie

Risposta di:
Dr. Guglielmo Actis Dato
Specialista in Cardiochirurgia e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Risposta

Normalmente in condizione di impossibilità di fare delle angioplastiche viene comunque preso in considerazione il by pass coronarico. Le consiglierei di sentire il parere di un cardiochirurgo

TAG: Anziani | Cardiochirurgia | Chirurgia | Cuore | Diabete | Malattie dell'apparato cardiovascolare | Terapie
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!