23-03-2018

Influenza intestinale

Salve,

Agli inizi di gennaio ho contratto l'influenza stagionale ed in una settimana era tutto passato senza l'ausilio di farmaci ma da allora ho cominciato a provare sensazioni di nausea ricorrenti senza però sfociare mai in vomito. Dopo un episodio piuttosto forte di nausea ho consultato il mio medico che mi ha fatto effettuare Delle analisi del sangue dalle quali è risultato un valore della lipasemia di 160 punti che , con un ciclo di normix e peridon per la nausea , si è ridotta a 30 già la settimana successiva. Nonostante ciò la nausea ,seppur meno forte, è rimasta ed insieme sensazione di gonfiore nel fianco sinistro all'altezza dell'ombelico che si e poi spostato a destra e diarrea , allora il medico ha prescritto fermenti lattici in compresse masticabili , rilaten e Plasil da prendere solo per un paio di giorni se la nausea mi rendesse difficile mangiare. In seguito ad una ecografia al fegato e pancreas ,dalla quale è risultato che avessi il fegato grasso , sono andato dal gastroenterologo che sostanzialmente mi ha detto che non ho niente ma che dovevo evitare formaggi e dolci e che dovevo mangiare più verdure e meno carne . Ora è passato più di un mese dall'inizio di questa situazione ed ho seguito in maniera ferrea i suggerimenti del gastroenterologo e la nausea e pressoché sparita ma ancora persiste una sensazione di bruciore dopo i pasti , soprattutto la sera e da un paio di giorni ho avuto anche dei giramenti di testa che ho però attribuito ad un colpo di freddo alla cervicale.

Ora dovrò vedere di nuovo il gastroenterologo in un paio di settimane ma vorrei anche un vostro riscontro per capire se ci sia qualcosa di anormale o se aveste qualche consiglio per ridurre i sintomi visto che ormai mangiare è diventato un momento di tensione perché non so mai come mi sentirò di li a poco.

Risposta di:
Dr. Marcello Picchio
Specialista in Chirurgia dell'apparato digerente e Chirurgia generale
Risposta

Credo che il suo quadro sintomatologico rientri negli esiti di una gastroenterite. Normalmente questi sintomi di riducono e scompaiono nel tempo. Le cure finora fatte sono a mio parere corrette

TAG: Adulti | Apparato Digerente | Disturbi gastrointestinali | Epatologia | Esami | Fegato | Gastroenterologia | Giovani | Intestino | Nutrizione