Sono una donna di quarant’anni, peso 60 kg per un’altezza di 151 cm. All’età di 12 anni mi è stata riscontrata la sindrome di Turner, con esclusione dell’ipogonadismo, ma con presenza di una coartazione aortica più stenosi aortica con valvola bicuspide e stenosi infundibolare polmonare. Dopo circa un anno sono stata sottoposta a coartectomia e... Leggi di più anastomosi termino-terminale. Annualmente ho effettuato esami di controllo (ecocardiogramma e più avanti risonanza magnetica), nel corso dei quali si riscontrava una dilatazione dell’aorta ascendente, anche se stabile nei suoi valori (nel 2007 era di 4,67 cm, secondo l’eco). All’inizio del 2010, i risultati della risonanza riscontravano un aumento della dimensioni dell’aora ascendente a cm 5,4 x 5,3, per cui mi fu consigliato l’intervento chirurgico. Nel 2011 una nuova risonanza confermava invariati i dati dell’anno precedente. All’inizio di quest’anno i risultati dell’ecocardiogramma erano i seguenti: valvola aortica bicispide cono solo minimo gradiente sistolico (18 mm Hg) non insufficiente; anulus aortico 200 mm seni 39 mm (Z + 4,22), aorta ascendente 34, 8 (z + 5,16), aorta asc prossimale prossimale 5 x 5,7 cm, distale 3,9 cm.Su indicazione del mio cardilogo ho assunto Losartan (1 x dì) durante tutto il 2011 ed il 2012. Sono anche affetta da ipertiroidismo di Hashimoto, per cui assumo a giorni alterni Eutirox da 75 e da 100 microgrammi.Volevo sapere se esistevano tecniche chirurgiche alternative per il trattamento del mio caso, meno invasive della tradizionale (tipo ministernotomia per es.) e dove eventualmente venivano praticate.