Gentile dottore, ho 39 anni e a breve mi sottoporrò ad intervento di cataratta. Con il chirurgo ho già deciso di sostituire il cristallino con uno monofocale e essendo miope di -4,50, mi viene proposto di tarare il cristallino in modo da diminuire anche un po' la miopia. Da quello che ho capito, più si diminuisce la miopia e più c'è il rischio di ricorrere anche ad occhiali da lettura. Di quante diottrie è consigliato mantenere la miopia per essere sicuri di poter leggere senza occhiali? La condizione di messa a fuoco da vicino, dopo l'intervento, rimane stabile nel tempo o può variare? Fino a che distanza potrò vedere senza togliere gli occhiali? La ringrazio anticipatamente