03-10-2017

Intervento di laparotomia per rimozione fibromi uterini multipli

Circa tre mesi fa ho subito un intervento in laparotomia per la rimozione di due fibromi uterini uno dei quali superiore ai 8 cm. L'intervento è andato abbastanza bene...avuto solo alcuni problemi dopo aver rimosso i punti. Infatti una parte della cicatrice non era molto asciutta e per un po' di tempo colava. Superata questa fase diciamo che andato tutto abbastanza bene. A tre mesi dall'intervento soffro di gonfiore nella parte superiore alla cicatrice soprattutto la sera.

Oltre al gonfiore soffro di dolori al tatto nella parte superiore alla cicatrice. Al controllo post operatorio eseguito dopo due mesi dall'intervento il dottore mi ha riferito che l'utero e cicatrizzato in maniera perfetta E che il gonfiore poteva essere dovuto alla presenza di gas intestinali per cui mi ha dato una cura con un integratore per l'eliminazione dei gas. Circa il dolore alla palpazione non mi ha saputo dare alcuna informazione in quanto mi ha riferito che non ci sono lividi e che gli sembrava strano che sentissi dolore al tatto in quanto la maggior parte dei soggetti riferisce in sensibilità nella zona.

Scrivo per chiedere se è normale avvertire questo dolore al tatto e se sia normale anche il gonfiore. Dovrei fare qualche ecografia addominale o al livello della parte dolente? Al controllo il dottore ha effettuato solo una ecografia interna. Ringrazio per la cortese attenzione!

Risposta di:
Dr. Maurizio Simonelli
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Risposta

Normalmente non c'è dolore sulla ferita! Se non ci sono raccolte di sangue sotto-fasciali o sottocutanee, probabilmente può essere che qualche brevetto sia rimasto intrappolato nella sutura della fascia muscolare. Se il gonfiore va e viene è legato a distensione dell'intestino.

TAG: Ginecologia e ostetricia | Organi Sessuali | Salute femminile