31-07-2012

la complessità del quadro non consente valutazione accurata

Salve, sono un ragazzo di 26 anni e da circa 2 anni soffro di un problema(non la chiamo malattia in quanto ancora nessuno specialista e' riuscito a darmi una risposta) legato al sole. E' successo da un giorno all'altro mentre ero fuori casa....Ho avuto una reazione allergica che mi ha provocato l'arrossamento e subito dopo il rigonfimento di tutto il viso tanto da ricorrere all'intervento tempestivo di un medico tramite puntura di cortisone. Il fenomeno si ripeteva poi ogni volta che uscivo di casa di giorno dopo una decina di minuti. Si manifesta con arrossamento, prurito e bruciore delle parti scoperte ed esposte e seguente rigonfiamento che spesso ha portato problemi anche alla glottide, per questo 2 volte son dovuto ricorrere all'intervento del prontosoccorso dove mi hanno somministrato cortisone,antistaminici e flebo. Inizialmente in ospedale mi e' stata diagnosticata un'allergia da contatto in quanto erano i primi avvenimenti e non si sapeva ancora molto sulle cause della manifestazione di queste reazioni allergiche. Con il passare dei giorni mi son accorto che mi succedeva solo di giorno, nelle zone esposte, e nelle parti dove prendevo il sole. Mi son rivolto a vari medici e specialisti i quali ognuno ha dato una risposta differente e cure 'sperimentali': vista la difficolta' della diagnosi mi somministravano cure giusto per provare se facevano effetto(creme,cortisone,antistaminici,cerchio,medrol,antrax,svariate diete alimentari).Lo scorso maggio mi son rivolto all'istituo San Gallicano a Roma dove mi hanno tenuto in day hospital per ben un mese e mezzo(tralasciamo i dettagli quali spese economiche e stress nel viaggiare tutte le mattine alle 4.30per stare a roma alle 7). Al San Gallicano sono stato sottoposto a qualsiasi tipo di prova: prove allergiche, patch test, fototerapia, analisi del sangue, numerosi test relativi al sole....Sono risultato positivo solo il 1 giorno quando sono stato sottoposto al test,che posso definire il ''test d'ingresso'',per verificare la sensibilita' alla luce solare, mentre tutte le prove successive e specifiche son risultate negative. Risultato:ho reazione allergica dovuta all'esposizione della luce solare ma non si conosce la causa relativa e quindi difficolta' nel somministrare una cura specifica. Son stato quindi refertato senza nessun risultato e mi son stati somministrati per un paio di mesi integratori di melanina e betacarotene. Tutt'oggi ancora mi porto dietro questo peso senza nessun sostanziale miglioramento, a parte il fatto che ora riesco a gestire un po' meglio i tempi in quanto ,mentre all'inizio non si sapeva esserne il sole la causa rimanevo fuori casa e mi esplodeva la reazione tutta insieme, ora riesco a gestirmi basandormi sull'inizio del prurito e arrossamento evitando di arrivare al rigonfiamento delle parti. Son costretto comunque sia a vivere in casa a spostarmi velocemente e coperto e la cosa mi sta creando svariati problemi anche a livello universitario e in futuro lavorativo. Ricercando su internet ho visto sul vostro sito svariati articoli riguardo allergie e anche qualcosa relativo al mio problema quindi ho pensato di raccontarvi la mia esperienza. Vi ringrazio per la disponibilita'Maurizio
Risposta di:
Dr. Filippo Iebba
Specialista in Allergologia e immunologia clinica
Risposta

la complessità del quadro da lei descritto non consente una valutazione adeguata in assenza di un'accurata anamnesi ed esame obiettivo e senza la visione delle indagini effettuate.

TAG: Allergie | Allergologia e immunologia clinica