23-01-2018

Linfonodi gonfi con pus sulle tonsille

Salve,

sono un ragazzo di 22 anni. Il problema comincia circa 2 mesi fa, quando con mal di gola vado dal curante che mi trova, oltre a pus sulle tonsille, dei linfonodi ingrossati.

Cura antibiotica per 10 giorni, il mal di gola passa, i linfonodi si sgonfiano. Dopo un paio di settimane però avverto ancora un altro linfonodo gonfio, allora mi decido a fare un'ecografia, che mostra una serie di linfonodi di tipo reattivo, di cui uno laterocervicale di 30x6 mm.

Il radiologo, rassicurandomi sulla benignità del quadro, mi dice di tornare per monitoraggio dopo consulto col curante e integrazione laboratoristica. Faccio esami del sangue, tutti perfettamente in regola (anche VES normalissima al limite basso, e proteina C reattiva).

Il curante allora mi tranquillizza definitivamente e dice che è tutto ok. Eventualmente da rifare l'ecografia se tra un po' di tempo non si sarà sgonfiato il linfonodo laterocervicale di cui sopra. Ora però, a distanza di tre giorni, (cercando) trovo anche un linfonodo inguinale gonfio (che prima mai avevo cercato) e allora mi risale il panico. Che fare?

Grazie mille.

Risposta di:
Dr. Gabriele Di Lorenzo
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Medicina interna
Risposta

Gentile Signore,

fare una diagnosi senza vedere e citare la persona è come guidare una nave bendato!

Se aveva una tonsillite acuta con pus i linfonodi posso aumentare di volume per la loro specipua funzione. Si affidi al suo medico che sicuramente saprà consigliarle eventuali altri accertamenti. Cordiali saluti

TAG: Esami | Giovani | Gola | Infiammazioni | Medicina interna | Otorinolaringoiatria