05-06-2018

Lingua gonfia con afte continue sulla punta

Dieci anni fa cominciai ad avere la lingua gonfia con piccoli cerchietti bianchi sulla punta e inizio del dorso che si allargavano con la parte centrale rossa, diverse volte come se mancasse un millimetro di pelle in quei punti. Queste afte duravano una settimana per posi scomparire e ricomparire dopo un giorno.

Decisi di fare il test per la celiachia avendo una zia e un cugino con questa problematica ma nel mio caso usci negativo. Inutile girare a vuoto tra medico di base, dermatologo, odontoiatra i quali mi consigliavano vitamine e fermenti lattici. Ad oggi convivendo male con questo problema ho letto che è stata scoperta l'ipersensibilità al glutine e allora ho provato a mangiare per due settimane solo yogurt, riso inm bianco con legumi e caren/pesce e vedevo un leggero miglioramento così sono andato dal medico di base a chiedere di prenotarmi una visita gastroenterologica. L'ho effettuata il 12/03/18 e lo Specialista vuole vederci chiaro richiedendomi questi esami: Transaminasi, Anti-transglutaminasi, Anti-endomisio, Test genetico per celiachia, Test di intolleranza al lattosio (BT). Mi ha indicato che dovrei però fare una dieta libera senza privarmid el glutine ma come vedete dopo solo un giorno ho la lingua devastata e non riesco a parlare. Figuratevi mangiare senza privazioni per almeno 15/20 gg sperando che bastino per i test. L'unico sollievo è fare sciaqui serali con acqua e sale per trovarmi la mattina con la lingua meno gonfia e in via di guarigione ma temo che a lungo andare il sale diluito nell'acqua potrebbe corrodere lo smalto dei denti ma non ne ho la certezza. La cosa allucinante è che nessuno dei precedenti medici ha voluto approfondire liquitandimi con le vitamine. Ho dovuto da solo indagare su possibili diagnosi per chiedere il tipo di visita al medico di base. Sono sconcertato. Consigli su come resistere prima degli esami senza finire al pronto soccorso? Grazie

Risposta di:
Dr. Luano FattoriniDottore Premium
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia dell'Apparato Digerente e Endoscopia Digestiva
Risposta

Farei ugualmente, in ogni caso, i tests indicati dal gastroenterologo aggiungendo anche gli anticorpi anti peptidi gliadina deamidata (IgA + IgG) e Immunoglobuline IgA totali. E magari anche il H2 Breath test al glucosio e la ricerca nel sangue della vitamina B12 e folati. Per le afte potrebbe rimediare con Aftab localmente. Comunque potrebbe trattarsi anche di una Gluten sensitivity, cioè ipersensibilità al glutine senza celiachia. Il caso va seguito con pazienza. Auguri.

TAG: Adulti | Allergologia e immunologia clinica | Apparato Digerente | Bocca e denti | Disturbi gastrointestinali | Esami | Gastroenterologia | Giovani | Infezioni | Intolleranze
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!