Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

04-02-2013

Maggiori dati per indicazioni terapeutiche

Una cara amica, 55 anni, operata a marzo 2012 tumore dell'endometrio terzo stadio con infiltrazione ovarica, chemio (Carboplatino 450mg e Paclitaxel 195mg) per quattro cicli e successivamente radio. A dicembre dolore e gonfiore addominale e la tac evidenzia due lesioni epatiche nel IV e III segmento di 57x40mm e 10mm, ispessimento micronodulare del tessuto adiposo mesenteriale per infiltrazione neoplastica, adenopatie subcentimetriche interaortocavale e paraortica sinistra, abbondante falda ascitica addominale (drenata) e versamento pleurico (26 mm). Chemio con Adriamicina (75mg)e Cisplatino (75mg). A due mesi dal primo ciclo scarsi risultati (inappetenza, stanchezza, diarrea, perdita di peso e leggera ascite persistono) l'oncologo prescrive un nuovo ciclo senza preventivamente fare una tac di controllo perchè a suo dire prematura o inutile. Si potrebbe ipotizzare una chemioembolizzazione o qualche altro trattamento in abbinamento con la chemio o in alternativa (o magari una chemio diversa visto che non ha reagito come i medici speravano al primo ciclo) e quando ripetere una tac per valutare lo stato delle metastasi e la vascolarizzazione? Grazie anticipatamente per l'aiuto, la situazione sta peggiorando rapidamente e vorremmo fare le scelte migliori prima che sia troppo tardi per tentare strade alternative.
Risposta di:
Dr. Piero Gaglia
Specialista in Chirurgia generale e Oncologia
Risposta

Gent. Signora,


Purtroppo siamo di fronte a un tumore molto aggressivo. La sola chemioterapia puo’ fare poco, come del resto ha fatto finora.
Si potrebbe ipotizzare un comportamento molto aggressivo associando una chirurgia citoriduttiva alla chemioterapia (eventualmente intraperitoneale)

Si dovrebbe pero’ sapere :
- Il versamento pleurico e’ tumorale o infiammatorio ? (necessario drenaggio ed esame citologico sul liquido pleurico)
- C’e’ una carcinosi peritoneale ? (com’era il citologico sul liquido ascitico ?)
- Le metastasi epatiche sarebbero operabili ?

In ogni caso siamo al limite delle possibilta’ terapeutiche attuale.

A Sua disposizione,

Dott. Piero Gaglia
Specialista in Chirurgia e in Oncologia
Per eventuali contatti diretti, e-mail : piero.gaglia@libero.it

 

TAG: Oncologia | Tumori
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!