16-05-2017

Mancanza di emozioni

Ciao, vado subito al dunque senza tanti giri di parole, da circa due anni non riesco più a vivere serenamente, tutto mi sembra inutile e privo di significato. Mi spiego meglio, prima di questo periodo, una normale partita di calcio tra amici, lo sguardo della ragazza che mi piaceva, uscire con gli amici di una vita e perfino andare all'università riuscivano a strapparmi un sorriso, riuscivano a farmi provare qualcosa. All'opposto eventi tragici come la morte di mio nonno, mi toccavano nel profondo e sentivo del dolore.
Da circa due anni questo non avviene più, ogni evento che mi succede non mi tocca minimamente, scivola via nell'indifferenza, in poche parole non provo più niente e ogni giorno mi sembra sempre più inutile.

Ormai non sorrido né piango da tempo immemore e questo mi sta distruggendo. Penso spesso alla morte, ho iniziato a fumare, a bere, a drogarmi per cercare nuovi stimoli, ho vissuto avventure di una notte, sono andato in vacanza all'estero per sperimentare cose nuove ma niente, non c'è stato niente che mi abbia minimamente mosso. Tutte le relazioni, amorose e non che ho avuto si sono concluse in malo modo e quasi sempre a causa della mia indifferenza e del mio disinteresse, e non ci sono problemi familiari alle spalle, la mia famiglia è la migliore che si possa desiderare, non mi hai fatto mancare niente e io ho sempre portato a termine i miei "compiti" da bravo figlio (diploma, laurea, lavoro ecc..) senza pressioni. See you soon

Risposta di:
Dr. Gianpiero Molucchi
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia
Risposta

Signore. Pare si trovi in piena crisi motivazionale. In genere si tratta di periodo più o meno lungo di crescita. Mi pare che sia opportuno risituarsi. Avrà pensato ad una psicoterapia eventualmente supportata da farmaci. Non ponga ulteriori indugi. Si rivolga ad uno psicoterapeuta medico. Allez. Buona serata

TAG: Malattie psichiatriche | Psichiatria | Psicologia | Salute mentale | Terapie