Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

10-10-2006

Mio marito accusa fibrillazione atriale

mio marito accusa fibrillazione atriale asintomatica scoperta da qualche mese. Tre volte riconvertita elettricamente e "curata con ritmonorm 425 x 2 volte al di. Ora propongono l'ablazione. Attualmente prende il cumadin ed ha smesso gli altri farmaci. Le mie domande sono: Se non si conosce la causa di questo disturbo come ricercarla prima di intervenire chirurgicamente? Può uno stato d'ansia o una anomalia muscolare e/o scheletrica produrre la FA? E pericoloso continuare solo col Cumadin e per quanto tempo è possibile? Grazie mille e buon lavoro.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Come saprà la fibrillazione atriale è un’ aritmia (di solito a frequenza elevata) che può intervenire in presenza di una cardiopatia di base o primitivamente in cuori per altro del tutto normali. Penso che per suo marito si tratti del secondo caso e visto che è già stato defibrillato 3 volte ritengo che l’indicazione data alla ablazione sia corretta. Il Coumadin serva solo ad evitare che negli atri si formino dei trombi con possibilità di embolia e quindi non vi sono particolari problemi a proseguire tale trattamento purchè ben condotto controllando i parametri coagulativi (in particolare l’INR che deve rimanere tra 2.5 e 3.5). Oggi l’ablazione è un intervento che si esegue per via trascutanea tramite un catetere e quindi non è un vero e proprio intervento chirurgico.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!