30-10-2012

Mio marito ha avuto un ischemia cerebrale martedì

mio marito ha avuto un ischemia cerebrale martedì scorso sul lavoro, ha 35 anni e nessun precedente di questo tipo, è ricoverato in neurologia all'opsedale di cremona, ma i suoi sintomi non sono migliorati da una settimana nonostante le cure di mannitolo ed altro, lamenta sempre stordimento, capogiri, disturbi visivi agli occhi , negativa la tac alla gola, l'elettroncefalogramma, domani fa la risonanza magnetica, ma non sta male, anzi è sempre più depresso, cosa posso fare , perchè non migliora, come aiutarlo, quali esami dovrebbe fare? Non si è ancora riuscita arilevare la causa, si vedono solo delle macchie sul cervello nella parte posteriore.sono molto preoccupata grazie per la disponibilitàuna moglie in apprensione
Risposta

I tempi di ripresa da un ictus cerebrale si calcolano in mesi, purtroppo. A 35 anni d'età le prospettive sono sicuramente migliori rispetto allo stesso evento a 70 anni. Però certo c'è da chiedersi cosa sia successo, in età giovanile un ictus deve far sempre pensare a cause specifiche, particolari. In genere queste cause non sono immediatamente riconoscibili, proprio perchè sono più rare e richiedono accertamenti meno usualmente disponibili, anche nelle strutture ospedaliere più moderne.

Pazienza e in bocca al lupo.

TAG: Malattie neurologiche | Neurologia