mio marito il 31 luglio 2006 è stato ricoverato per ematemesi. Durante il ricovero ha praticato esami ematochimici di routine, 1antipristina, ceruloplasmina, fp, pcr,na (pos. 1:160)), ama, asma,ig, cupremia, cupruria. Gli hanno praticato 5 sacche di trasfusione EGDS+scleroterapia delle verici esofagee. E' stato dimesso con la seguente diagnosi: emorragia digestiva da varici esofagee F2, gastropatia congestizia, in paziente affetto da cirrosi epatica in scompenso ascitico, fango biliare, cisti semplice rene sin. Gli prescritto la seguente terapia: Losec 20 1c 2v al dì, Sulcrafin 2g 1 bust 2v al dì (lontano dai pasti), UDCA 300mg 1c dopo pranzo e dopo cena, Lasix 25mg 1c al mattino, Kanrenol 100 1c al pomeriggio, Inderal 1/2 cp la sera. Le chiedo, viste le condizioni del paziente, se sia normale avere forte sudorazioni e cosa significa avere fango biliare e la cisti semplice nel rene sinistro. I medici mi hanno detto che il fegato è messo male, ma io, come moglie fino a che punto devo preoccuparmi e se posso sperare di averlo vicino a me ancora per molti anni. Una moglie preoccupata.