Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Medici
  • Salute A-Z
  • Per le aziende
L’ESPERTO RISPONDE

mistero?

Salve,sono una ragazza di 20 anni,in perfetta salute da sempre.A parte che da 6 mesi a questa parte ho iniziato ad avere degli strani disturbi che nessun medico tra la mia città e Roma,nonostante siano specialisti di fama nazionale non riescono a spiegare.Iniziò tutto a Novembre del 2010 quando mentre guardavo il computer,tranquillamente seduta,ho avuto uno svenimento senza accorgermene.Da allora ho iniziato ad avere momenti di "assenza" nel senso che mi rendo conto di sentirmi male ma non posso fare niente.All'inizio dopo queste assenze avevo gran mal di testa,dopo un paio di mesi ho iniziato ad avere conati di vomito a vuoto insieme a questo momento che non dura più di 5 secondi ma si può ripresentare anche più volte al giorno.Durante gli attacchi ci sono momenti in cui ricordo perfettamente quello che succede altre in cui non ricordo nulla,nè di quello che stavo dicendo o facendo nè di quello che mi dicono gli altri.A volte divento bianca pallida,altre non se ne accorge nessuno.Mi rendo conto di quando mi arrivano perchè sono scatenati da ricordi o da momenti che sono sicura di aver già vissuto.Spaventata sono ricorsa a numerosi medici,ho fatto molti accertamenti tra cui risonanza ed elettroencefalogramma,analisi del sangue e della tiroide,una tac e ora sono in lista d'attesa per un controllo di 24 ore a Venafro.Il neurologo dell'ospedale della mia città mi ha prescritto delle gocce pediatriche,per i momenti di assenza che molti bambini accusano,e sono 4 mesi che le prendo.Per i primi mesi non hanno risolto nulla,solo nell'ultimo mese sembrava avessero fatto effetto,ma l'altro ieri si sono presentati di nuovo questi disturbi in maniera anche forte con totale assenza e conati.mi hanno detto tutti che non è una malattia grave e non c'è niente di cui preoccuparsi seriamente,ma nessuno è in grado di darmi una diagnosi.L'ultimo dottore mi ha detto che ci sono alcuni casi del genere ma sono insoluti.Spero di poter ricevere un consiglio almeno per avvicinarmi alla verità.grazie
Risposta del medico
Dr. Massimo Barrella
Dr. Massimo Barrella
Specialista in Neurologia
A parte il fatto che l'EEG è risultato negativo e a parte alcune caratteristiche che potrebbero far pensare a dei fenomeni lipotimici (tipo "svenimenti"), mi sembra che i sintomi riportati spingano verso una diagnosi di epilessia. L'EEG può essere negativo tra una crisi e l'altra, per cui la sua negatività non è decisiva per escludere un'epilessia. Invece la durata degli attacchi e le forti sensazioni di "già vissuto" che precedono le crisi mi sembrano assai suggestive di una situazione di epilessia. In più, se veramente ha avuto sollievo dalle "gocce pediatriche" (quale farmaco?) la diagnosi mi sembra sostanzialmente chiara. Il problema è casomai capire quale farmaco e a quale dose sia in grado di sopprimere il reiterarsi degli episodi e, visto l'esordio giovanile, escludere la presenza di lesioni cerebrali (anche piccolissime) che possano sostenere la malattia. Saluti
Risposto il: 13 Aprile 2011
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Il mistero del déjà-vu. Quando il cervello inganna la memoria
Il mistero del déjà-vu. Quando il cervello inganna la memoria
5 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali