09-02-2017

Mutazione del fattore 2 di Leiden

Mi è stata riscontrata una mutazione fattore II di Leiden in eterozigosi insieme ad una mutazione MTHFR A1298C sempre in eterozigosi. È possibile con queste mutazioni fare un intervento di lifting cosce e seno utilizzando una corretta ed adeguata profilassi?

Risposta di:
Dr. Luca C. Rovati
Specialista in Chirurgia della mano e Chirurgia maxillo-facciale
Risposta

Gentile Signora, la mutazione del fattore 2 di Leiden comporta un aumento del rischio di trombosi in tutti i distretti corporei soprattutto in presenza di altre patologie quali diabete. L'intervento di lifting cosce e mastoplastica sono anch'essi a rischio di trombosi e necessitano sempre, secondo le linee guida internazionali, di una adeguata profilassi. Essendo questi interventi di natura prettamente estetica, io a livello precauzionale sconsiglierei pertanto tali interventi. Cordialmente, Luca C. Rovati

TAG: Apparato circolatorio | Chirurgia plastica‚ ricostruttiva ed estetica | Ematologia | Genetica medica | Malattie della circolazione | Malattie genetiche | Medicina estetica
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!