27-11-2012

Necessita' di controlli periodici (cosiddetto follow-up)

salve dottore, mio padre 4 anni fa è stato operato di yumore al colon retto,ha fatto 12 cicli di chemio e radio terapia,ha effettuato controlli periodici ogni 6 mesi e tutto è sempre andato bene. lui ha 61 anni...oggi ha ritirato l'esito della tac e vorrei capire se c'è qualcosa che non va:..ha il controllo giorno dieci dicembre ma io sono curiosa di sapere se tutto prosegue bene.Gli scrivo la diagnosi della tac fatta con m d c e v.PAZIENTE SOTTOPOSTO AD EMICOLECTOMIA SINISTRA CON ANASTOMOSI COLORETTALE. FEGATO DI DIMENSIONI AUMENTATE CON DENSITà OMOGENEA. MILZA ACCESSORIA LOCALIZZATA CAUDALMENTE ALL'ILO SPLENICO,DIAMETRO 1,6CM. CRANIALMENTE ALL'ANASTOMOSI,NEL COLON PELVICO, SI RILEVA UN DISCRETO ISPESSIMENTO PARIETALE CONCENTRICO(DIAMETRO 0,8CM) CON ESTENSIONE CAUDOCRANIALE DI 1,8CM -SUBSTENOSI DEL LUME- E DISOMOGENEA ASSUNZIONE DEL M.D.C.EV.;SI ASOCIA UNA CONSENSUALE MODESTA SOVRADISTENSIONE A MONTE DEL CRASSO.UTILE VERIFICA ENDOSCOPICA. LIEVE FALDA DI VERSAMENTO LIQUIDO NELLA FASCIA LATEROCONALE PELVICA SINISTRA. PROSTATA DI DIMENSIONI AUMENTATE (DIAMETRO 4,4 CM) CON LOBO MEDIO CHE COMPRIME SUL PAVIMENTO VESCICALE. NON EVIDENTI ALTERAZIONI DI RILIEVO DI MILZA,PANCREAS,SURRENI,RENI,VESCICA,Nè SIGNIFICATIVI LINFONODI IPERPLASTICI.La ringrazio in attesa di una sua risposta
Risposta di:
Dr. Piero Gaglia
Specialista in Chirurgia generale e Oncologia
Risposta

Oggi la mia risposta non ha piu’ per Lei significato, in quanto Suo padre avra’ gia’ effettuato il controllo previsto e avra’ gia’ effettuato la colonscopia e, spero, anche l’intervento chirurgico di cui la TAC fa supporre la necessita’.
Vorrei solo sottolineare, per chiunque potesse leggere questa risposta, l’importanza dei controlli periodici dopo interventi per tumore del colon retto, di cui le coloscopie periodiche, anche in assenza di sintomi, sono una parte fondamentale.

Inoltre, i tumori del colon-retto possono avere una componente ereditaria, per cui i consanguinei di primo grado, come Lei (genitori, figli, fratelli e sorelle), di un paziente affetto da un tumore colo-rettale dovrebbe sottoporsi a una prevenzione con coloscopie periodiche, anche in assenza di sintomi, a partire dai 35 anni circa, sia per la diagnosi precoce di un eventuale tumore, sia, soprattutto, per la diagnosi e il trattamento delle possibili lesioni pre-carcinomatose (polipi).

Se i casi fra i consanguinei fossero piu' di uno, utile consultare un genetista o un oncologo esperto nei tumori ereditari.


Cordiali saluti. Se vuole, mi faccia avere ulteriori notizie di Suo padre.

Dott. Piero Gaglia
Per necessita’ di contatti diretti ? e-mail : piero.gaglia@libero.it
 

TAG: Oncologia | Tumori
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!