gentile dottore vorrei chiederle un parere circa la mia situazione...sono una ragazza di 33 anni affetta da trombocitemia essenziale diagnosticata tramite biospia ossea e agoaspirato midollare..attualmente la mia conta piastrinica e' di 1.100.000 piastrine..tempo di protombina(pt) 11,4..attivita' protombinica 83..INR 1,09..tromboplastina... Leggi di più parziale(a-PTT) 32*solo questo valore e'di due punti sopra la norma..fibrinogeno 282..i restanti esami tutti piu' o meno buoni..sono jak2 e cromosoma philadelphia negativa..milza regolare..dottore l'ematologa che mi segue da pochi giorni mi ha detto di volermi trattare con cardioaspirina e oncocarbide per poi passare eventualmente all' anagrelide...cosa ne pensa a riguardo?e' giusto il trattamento con questi farmaci nel mio caso secondo lei? considerando che sono farmaci abbastanza tossici...l'interferone non e' stato consigliato in quanto io soffro di una sindrome ansioso-depressiva..cosa devo fare dottore,mi sento un po' disorientata e preoccupata... l'ematologa mi dice che e' meglio farle scendere un po' queste piastrine,ma io ho un po' paura degli effetti collaterali dei farmaci..grazie mille x la sua risposta..cordiali saluti.