28-03-2008

Nel marzo 2001 ho avuto in ischemia cerebrale

Nel marzo 2001 ho avuto in ischemia cerebrale temporo parietale dx con grave esiti di emiplegia sx. Solo nel 2005 mi è stato riscontrato un forame ovale pervio con aneurisma del setto. Nel 2006, mediante cateterismo cardiaco mi è stato inserito un ombrellino, al controllo dopo sei mesi e a un anno, con eco doppler transcranico, purtroppo pero, avevo ancora un passaggio di 15 /20 hits, nel settembre 2007 mi è stato inserito un secondo ombrellino. Dall'ultimo eco-transcranico risultano passare ancora 5/8 hits, il neurologo dice di non preoccuparmi, che avendo io un setto multifenestrato è un buon risultato. Devo effettivamente stare tranquilla?
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Il rischio generico di ischemia cerebrale (nel contesto di un forame ovale pervio) è correlato anche all’entità dello shunt. In considerazione anche dei rischi (anche se bassi in mani esperte) di una procedura invasiva come la chiusura percutanea con device, penso che sia corretto ciò che le ha suggerito il suo neurologo
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare