25-05-2018

Noduli dopo strumectomia totale

Buongiorno,

ho 49 anni, all'eta di 29 anni ho eseguito tirectomia totale cosi mi era stato detto dal chirurgo che mi aveva operata avevo in quel tempo nove noduli, mi era stato consigliato dall'endocrinologo di toglierla in quanto era tutta piena di noduli. Ho avuto controlli in seguito solo di tsh reflex compensando con eutirox mai eseguite ecografie o altro per vedere se erano rimasti residui poiche mi dicevano che non erano necessari esami ecografici.

Dopo eseguito tac torace e collo consigliatomi dalla pneumologa mi vengono riscontrate al collo tac con contrasto in mediastino superiore formazione nodulare paratracheale estesa cranialmente fino in regione cervicale livello vi con diametri massimi sul liano assiale di 2,9x2,3 cm ed estensione cranio caudale di 3,1 cm il nodulo impronta l esofago la parete posteriore della trachea ed e a contatto con i margini posteriori della vena giugulare interna e con la carotide comune dx in considerazione della riferita tireidoctomia parziale, il rilievo puo essere riferibile a residuo dodulare della tiroide sono riconoscibili altri due residui tiroideui disomogenei uno 25 x10 m m al davanti del primo anellotracheale ed uno 13x8 mm a sn non macrolinfoadenopatie laterocervicali ghiandole parotidi e sottomandibolari regolari per dimensioni e densita eseguita ecografia tiroide e paratiroide si prende visione di precedente tac controllo in riferiti esiti di tiroidectomia totale si conferma la presenza in loggia tiroidea la presenza delle nodulazioni segnalate nella tac esse appaiono esattamente situate nel lobo destro con dimensioni pari a 20x17x30 mm in sede istmica con dimensione longitudinale massima di 23 mm e in corrispondenza della loggia tiroidea di sinistra con dimensioni 8x9x15 le alterazioni presentano struttura di tipo misto e vascolarizzazione prevalentemente periferica alla valutazione con eco color doppler ed appaiono ecograficamente di pertinenza tiroidea non alterazioni a carico delle ghiandole sottomandibolari e parotide non linfonoidi di aspetto patologico in sede latero cervicale lbi ateralmente esemi sengue ab antitireoglobulina < 1 deve essere minore di 4 tireoglobulina 0,64 minore di 50 calcitonina <1 anticorpi anti tiroide 225 deve essere fino a 9 tsh reflex 2,82 sono in attesa di scintigrafia ho necessita di un consiglio urgente poiche mi sono rivolta endocrinologo che mi aveva detto che se si trattava di noduli di tiroide mi avrebbe dato lo iodio per ridurli evitando l'intervento chirurgico ma altri medici mi anno consigliato di recarmi da un chirurgo toracico per eseguire biopsia non so cosa devo fare anche perche non mi sento bene ho un infiammazione alla schiena e addome mi sento spesso male ho paura di fare intervento che mi possano danneggiare le corde vocali ha volte ho anche difficolta allla deglitizione consigliatemi se devo andare da un chirurgo endocrino o toracico o fare cura con radioido come consglito da endocrinologo consigliatemi un medico o chirurgo o centro abito a bewrgamo ho anche difficolta di spostarmi e vorrei un centro vicino

Risposta di:
Dr. Francesco Avino
Specialista in Endocrinologia e Endocrinologia e malattie del ricambio
Risposta

Non è un consiglio facile quello che chiede! Probabilmente la tiroidectomia non fu totale,e dai residui lasciati in sede si sono sviluppate le formazioni che la TC vede e che improntano l'esofago,in contatto con vena giugualre e carotide, che non presentano apparentemente caratteristiche di malignità. Dal mio punto di vista (endocrinologo) le sottolineo la possibilità concreta dell'aumento di volume di tali formazioni indipendentemente dalla correttezza della terapia istituita (Levotiroxina). Il problema soni i rapporti di queste formazio con gli organi vicini, in particolare giugulare e carotide. La cosa migliore sentire il parere di un buon chirugo, esperto nella chirurgia del collo e poi decidere.

TAG: Adulti | Chirurgia | Endocrinologia e malattie del ricambio | Esami | Farmacologia | Ghiandole e ormoni | Radiodiagnostica | Terapie | Tiroide