Logo Paginemediche
L’ESPERTO RISPONDE

Oggetto: urgente!!!! diagnosticata epatite

OGGETTO: URGENTE!!!! diagnosticata epatite autoimmune di tipo 1, richiesta informazioni cura Il 24 Dicembre 2007 mio padre viene ricoverato in Medicina Interna per una sindrome nefrosica, dispnea, pancitopenia, versamento ascitico e ipoalbuminemia. Durante il ricovero vengono seguiti i seguenti esami, emocromo RBC 2.7, HCB 8.5, HCT 25.5, WBC 1.77, NE 62.9, LY 24.1, PLT 105, RETICOLOCITI 8,4%; si riscontra carenza di vitamina B12 (trattamento con luminale dal 93). Viene eseguita terapia con BENEXOL B12 con risalita dell’emocromo dopo circa 5-6 giorni (emocromo RBC 3,19, HCB 10,2, HCT 29,7, WBC 4,7, NE 57,3, LY 20,4, PLT 271, LDH570). Viene trattata la sindrome nefrosica con diuretici e l’ascite con albumina e l’ascite, per dipnea del paziente, viene drenata in una quantità di litri 5 dal colore giallo-citrino corpuscolato (fibrinoso). Vengono eseguiti i markers tumorali che risultano negativi si rileva una gammapatia monoclonale, proteinuria 24 h 1638-400 , IgG 1830, IgA 176, IgM 80 Catene K 2100 – Lamba 733. Esami strumentali eco addome: fegato di volume ai limiti superiore della norma ad eco struttura modicamente steatosica. Al VI e IV segmento si seganlano due formazioni tondeggianti con pareti calcifiche del diametro di 2 e 3,6 cm. Invariati rispetto al controllo del 2005 da riferire a cisti di echinococco. Splenomegalia ( 17 cm diametro bip.) con ecostruttura omogenea. Reni in sede, nella norma. Discreto versamento ascitico nelle zone declivi. Litiasi della colecisti. Esami per le malattie autoimmuni ( risultati esami clinici PTT 34, CIC IgA 2,2 mg/dl, CIC IgG 14,5 mg/dl, CIC IgM 3,1 mg/dl), ANA Ab antinucleo presenti pattern punteggiato a basso titolo, AMA ab anti mitocondrio assenti, ENA assenti, ANCA anti MPO (IgG 0,2) e anti PR3 IgG 0,7) , ASCA Ig G e Ig A presenti a basso titolo, ASMA ab antimuscolatura liscia presenti, LAC Assenti) Viene dimesso con diagnosi di epatite autoimmune di tipo I. Terapia a domicilio: Albumina umana 25% 50 ml un flacone al di’, Lasix 2 cpr ore 8, Luvion 100 1 cpr per 2 al di’, epagrisiovit 1 fl IM alla settimana, deursil RR 1 cpr al di’. La terapia è adeguata alla diagnosi prognosticata (epatite autoimmune)? Mi sono informata è la cura più adatta sembra essere il cortisone, lei cosa ne pensa? E’ il caso di ricoverarlo presso un centro clinico specializzato? Se si, può indicarci qualche centro specializzato? Aggiungo inoltre che nel 2001, lui fu sottoposto ad un primo intervento di laparotomia esplorativa per abbondante ascite in addome e dopo viscerolisi per numerose aderenze e scrutato ogni organo viene fatta diagnosi di peritonite cronica fibrosante da verosimile enterocolite aspecifica. Dopo tre mesi nuovo intervento per pleurite saccata con polmone incarcerato da aderenze di origine infiammatoria decorticazione pleurica, curato successivamente con cortisone e antibiotici. Remissione della sintomatologia per circa 7 anni.
Risposta del medico
Dr. Fegato.com
Dr. Fegato.com
L’epatite autoimmune (EAI) è un’infiammazione cronica del fegato a causa sconosciuta. Colpisce prevalentmente le donne (70%), in genere nei primi 40 anni. Spesso si associa ad altre malattie autoimmuni (cioè caratterizzati da movimenti anticorpali rivolti verso le stesse strutture dell’organismo!) come la colite ulcerosa. In base al riscontro degli autoanticorpi , si distinguono principalmente 2 tipi detti tipo 1 (ANA-antinucleo e SMA-antimuscolo liscio) e tipo 2 (anticorpi LKM1) che si associa a patologie come la tiroidite autoimmune, vitiligine, diabete insulino-dipendente e colite-ulcerosa. Concordiamo con la terapia consigliata dai medici che hanno curato suo padre. Il cortisone potrebbe essere dannoso a causa della ritenzione idrosalina in atto e degli altri problemi che presenta suo padre, Tuttavia la situazione clinica necessita di una valutazione certop più attenta di quella che si può fare in questo contesto. Un ottimo Centro specialistico della sua area geografica si trova presso la Gastroenterologia dell’Ospedale di S. Giovanni Rotondo diretta dal Prof Andriulli, cui le consigliamo di rivolgersi.
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Roma (RM)
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Cagliari (CA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia
Spinea (VE)
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia
Cagliari (CA)
Specialista in Epatologia e Medicina interna
Roma (RM)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Medicina interna e Epatologia
Siracusa (SR)
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Napoli (NA)
Specialista in Gastroenterologia e Medicina interna
Pisa (PI)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Crotone (KR)
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Siena (SI)