L’ESPERTO RISPONDE

Ogni giorno che passa e' una probabilita' in piu' di essere guarita

egr.medici ho 40 anni sono stata operata adk colon 3 anni fa istologico diceva colon discendente t2 n1 g3 ho effettuato chemio . controlli sempre perfetti . AL MOMENTO GODO DI OTTIMA SALUTE ma vivo nel terrore del ritorno della malattia .dopo 3 anni posso tirare un piccolo sospiro di sollievo?
Risposta del medico
Specialista in Chirurgia generale e Oncologia

 1) Almeno il 90% dei carcinomi del colon-retto recidivano o danno metastasi nei primi 3 anni dall'intervento. Quindi puo' tirare un GRANDE sospiro di sollievo e pensare a progetti per il futuro anche a lungo termine.Questo non vuol dire abbassare del tutto la guardia. Pur con assoluta serenita', e' necessario che continui a fare le visite di controllo esegua gli esami  strumentali periodici (N.B. le coloscopie periodiche dovra' farle tutta la vita!!). Questo perche', a differenza di molti altri tumori, le eventuali metastasi da carcinoma colorettali sono spesso curabili e guaribili, quindi e' utile la loro diagnosi precoce.2) La Sua giovane eta' (40 anni) suggerisce che nella genesi del tumore via sia un'alterazione genetica che potrebbe essere stata ereditata dai Suoi genitori o comparsa in Lei per la prima volta nella Sua famiglia.E' noto che molte persone sono restie a indagini genetiche, ma l'alterazione di un gene non deve al giorno d'oggi essere piu' considerata una tara. Anzi il sapere di essere portatori di un gene alterato e' una possibilita' in piu' per la propria salute salute a quella dei familiari, in particolare dei figli.La determinazione se Lei fosse portatrice di un'alterazione genetica sarebbe molto utile:- per Lei, perche' si potrebbe valutare la periodicita' migliore per le coloscopie periodiche e si avrebbero importanti indicazioni chirurgiche per un intervento per un eventuale (sperando che non avvenga) secondo tumore colo-rettale.- per i Suoi figli (e gli altri consanguinei in generale) che nel caso fossero portatori di un'alterazione genetica dovrebbero porsi in un protocollo di prevenzione specifica.Se Lei fosse, come spero, in tale percorso, contatti un genetista oppure il sottoscritto.dott. Piero GagliaSpecialista in Chirurgia e in Oncologia

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Rischio melanoma più alto negli uomini
Rischio melanoma più alto negli uomini
2 minuti
Una giornata contro il tabacco
Una giornata contro il tabacco
3 minuti
Regolarità nello screening per prevenire il cancro
Regolarità nello screening per prevenire il cancro
2 minuti
Angioma nei bambini: cosa fare?
Angioma nei bambini: cosa fare?
2 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Oncologia
Specialista in Chirurgia generale e Oncologia
Como (CO)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Oncologia
Ancona (AN)
Specialista in Cure palliative e Oncologia
Casarano (LE)
Specialista in Oncologia
Catanzaro (CZ)
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Oncologia
Carrara (MS)
Specialista in Oncologia
Prov. di Cosenza
Specialista in Ematologia e Oncologia
Prov. di Cagliari
Specialista in Oncologia
Prov. di Milano
Specialista in Oncologia
Prov. di Perugia