21-06-2006

Operato alle emorroidi il cardiologo notava delle

Operato alle emorroidi il cardiologo notava delle exstrasistole che a suo dire non erano normali e mi consigliava una visita specialisica. A distanza di venti giorni da quell'evento ho avuto una crisi che mi ha portato nel pronto soccorso per una crisi che hanno definito tachiaritmia sopraventricolare regredito farmacologicamente in sospetto wpw, successivamente ho fatto l'Holter ed il risultato è statofrequenti e brevi periodi di aritmia sinusale, non fasica, numerose extrasistoli frequentemente condotte con aberranza, ripetitive (coppie e salve). In attesa di un ricovero al San Raffaele per accertamenti mi ha consigliato di prendere il propafenone 300 ma riscontrando fastidi nell'assunzione dopo tre compresse un altro cardiologo lo ha sostituito con atenol 100 1/4 di compresa alle otto di sera. Vorrei sapere se questa cura temporanea è giusta o e consigliabile sostituirla con altri medicinale quali l'almaritm ad esempio. Grazie per la risposta
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
E’ sicuramente auspicabile l’esecuzione di accertamenti ulteriori dal punto di vista aritmologico, ma in atto ed in assenza di altre crisi non sembra necessaria l’assunzione di almarytm, per cui se tollerata è sufficiente la piccola dose di betabloccanti che le è stata consigliata in attesa degli approfondimenti.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!