Buona sera, sono a richiedere spiegazioni su ciò che 2 giorni fà è capitato a mio marito.Premetto che mio marito ha 35 anni è in buona salute anche se a gennaio è stato ricoverato per una broncopolmonite.Lunedì mattina ci trovevamo in aereo di ritorno da un viaggio sicuramente stressante (pochissimo riposo, cattiva alimentazione e ansia da turista)... Leggi di più e mi sono svegliata da una penichella sentendo Franco (mio marito) rantolare mentre inspirava violentemente. Era seduto con il capo rivolto verso l'altro (come se dormisse) ma gli occhi completamente aperti. L'ho chiamato più volte e dopo circa un minuto si è girato con il capo veso di me, la testa era ciondolante, gli occhi aperti e leggermete rivolti verso l'alto. Era pallido e sudava freddo e la respirazione era diventata veloce e superficiale. Mi sono spaventata a morte l'ho continuato a chiamare e a toccare la spalla fino a quando (circa un minuto) ha fatto un grosso respirone e mi ha detto che non si sentiva bene e gli veniva da vomitare. Lui non si ricoda nulla se non di un mal di stomaco e di una caldana improvvisa.Abbiamo descritto l'accaduto al medico di base che però non ritiene che Franco avesse perso i sensi ma pensa che stesse domendo.Bhe io non sono d'accordo era veramete assente mentre lo chiamavo e gli occhi erano sbarrati.C'è una spiagazione a tutto questo.Grazie mille dell'attenzione