Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

07-11-2018

Pantoprazolo per gastrite antrale cronica

Da giugno ho problemi di digestione, con senso di pesantezza allo stomaco, soprattutto dopo la cena (mai dopo il pranzo, forse perché digerisco bene la pasta). Ho fatto i seguenti esami: analisi del sangue, delle urine, delle feci, e nessuna di queste, a giudizio del medico, ha fatto emergere alcun problema. Ho fatto anche una gastroscopia con esame istologico il cui esito è stato: gastrite erosiva cronica senza helycobacter. Inoltre ho fatto una eco addome completa con stazioni linfonodali esplorabili: tutto ok. Il medico mi ha prescritto pantoprazolo. Ho preso la pillola da 40 mg per un mese e mezzo e quella da 20 mg per un altro mese.

Sono stato bene, tranne qualche caso di lievissimo senso di pesantezza. Ma subito dopo aver concluso la cura, appena mangiato un piatto di pomodori col tonno ho avuto di nuovo lo stesso senso di pesantezza che è sparito soltanto dopo due giorni! Chiedo: secondo voi ha senso continuare ancora con il protettore gastrico? Non fa male prenderlo per molto tempo? E soprattutto: questa gastrite cronica erosiva, essendo cronica, come si cura sul lungo periodo? Grazie. (ho 33 anni, maschio)

Risposta di:
Dr. MARIO GUSLANDI
Specialista in Gastroenterologia
Risposta

La gastrite erosiva con il pantoprazolo é verosimilmente risolta. Rimangono da curare i problemi legati ad una scorretto ritmo di svuotamento gastrico.

TAG: Adulti | Disturbi gastrointestinali | Farmacologia | Gastroenterologia | Intestino | Medicina generale | Nutrizione | Salute maschile | Stomaco
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!