28-05-2018

Perchè togliere un rene senza certezza di un cancro?

Mio marito, 59 anni ha fatto una tac ai reni ed è emerso questo:

"tessuto neoformato con foci di irregolare enhancement ed aspetto cerebroide della neoformazione che dal profilo polare superiore si estrinseca medialmente ed in basso, rapporto di stretta contiguità con il gruppo caliceale medio superiore, non infiltrazione dell'uretere sottogiuntale che presenta in tale sede inginocchiamento,filiforme nel suo tratto distale.non segni di stasi urinaria . Vena renale sn inglobata nella neoformazione. adenopatie in sede interaoartocavale"

il medico ha detto che dovrà togliere tutto il rene come da protocollo.... l'intervento si farà in laparoscopia . Io ho letto che se anche fosse un tumore... l'intervento laparoscopico si fa quando è circoscritto e non è necessario togliere tutto il rene... aiutatemi a capire vi prego. grazie

Risposta di:
Prof. Claudio Di VeroliDottore Premium
Specialista in Diabetologia e malattie del metabolismo e Malattie del fegato e del ricambio
Risposta

Il consiglio che le hanno dato di asportare il rene è molto giusto. La TC come le altre indagini non vedono tutto, ma hanno un potere di risoluzione di una certa percentuale, non al 100%. E poi la massa tumorale presente dentro il rene?

E poi ci sono i linfonodi. Non è complesso, se non ci sono complicanze, asportare il rene intero. Non conosco il tipo di intervento che dovrà affrontare, mi dice poco. Ad esempio, oggi certi interventi si fanno con la robotica per cui non serve fare grandi tagli.

Comunque il rene deve essere asportato tutto.

un saluto prof. Claudio Di Veroli

TAG: Anziani | Chirurgia | Esami | Nefrologia | Radiodiagnostica | Reni e vie urinarie | Urologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!