Cancro del rene: cause, sintomi e trattamento

cancro del rene cause sintomi e trattamento
Oncologia

Che cos’è il Cancro del rene

Il cancro del Rene (carcinoma renale) è un tumore che colpisce le cellule della mucosa dei tubuli renali, gli apparati che filtrano e depurano il sangue, privandolo delle scorie ed eliminandole attraverso l’urina.
Il cancro del rene colpisce prevalentemente il sesso maschile e ha una maggiore frequenza tra i 60 e i 70 anni, anche se esiste una forma rara di derivazione embrionale, il nefroblastoma o tumore di Wilms, che colpisce i bambini piccoli.

 

 

Cause del cancro del rene

Le cause del cancro del rene sono ancora poco note, ma è possibile individuare come fattori di rischio il fumo di sigaretta, l’obesità, l’ipertensione, l’abuso di farmaci analgesici e una dieta ricca di proteine e grassi di origine animale. Una predisposizione è data anche dalla familiarità e da alcune patologie genetiche, quali la sindrome di Hippel-Lindau o il carcinoma papillare renale ereditario.
 

Segni e sintomi di cancro del rene

 

Il primo sintomo del cancro del rene è la presenza di tracce di sangue nelle urine (ematuria). Altri sintomi possono essere spasmi ureterali o vescicali provocati da coaguli di sangue, la presenza di una massa nella cavità addominale, dolore sordo al fianco, ipertensione, febbre persistente, anemia e perdita di peso.
 

Diagnosi di cancro del rene

La Diagnosi di cancro del rene, spesso tardiva a causa della scarsa sintomatologia iniziale, si formula alla comparsa di sintomi maggiori quali ematuria o dolore al fianco – schiena. Tra gli esami strumentali impiegati ci sono l’urografia (esame ormai raramente utilizzato), l’ecografia, la TAC e la Risonanza Magnetica Nucleare (RMN).

 

Terapie del cancro del rene

Il cancro del rene viene affrontato principalmente mediante trattamento chirurgico. La rimozione chirurgica di tutto il rene (nefrectomia) è raccomandata nella maggioranza dei casi. La chemioterapia e/o la radioterapia non si sono dimostrati efficaci nel contrastare la malattia, rivestendo un ruolo palliativo nei casi di localizzazioni metastatiche profonde.
A oggi la terapia d’elezione è l’immunoterapia: l’uso di farmaci ad azione stimolante sul sistema immunitario con un meccanismo simile ad un vaccino. Farmaci di recente introduzione detti anti-tirosinchinasici, hanno dimostrato un’ottima efficacia e sicurezza d’impiego.
La prognosi dipende dalla grandezza del tumore, dalla sua diffusione, dalla presenza o assenza di metastasi.

12/06/2015
08/03/2012