Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

27-08-2018

Pertosse oppure altro?

Salve a tutti sono qui per chiedervi aiuto perchè fino ad ora non ne ho ricevuto molto.

l'11 luglio ho cominciato ad avere prurito alla gola. dopo circa 5 giorni di tachipirina sono andata dal medico, la tosse è naturalmente aumentata, nel frattempo, facendosi sempre più stizzosa. il medico mi ha dato come medicinali il Macladin 500, e il Bentelan. dopo qualche giorno la tosse continuava e ho iniziato ad avere sopratutto la notte delle crisi, ovvero catarro nella gola che mi impediva di respirare e dovevo alzarmi per rimettere. poi mi sono rivolta ad un pneumologo, fatta la lastra ai polmoni, (che non evidenziava nulla di grave), il medico ha pensato di ritrattarmi con l'evofloxacina, deltacortene e tre aerosol al giorno. nel frattempo ho fatto anche i prelievi che saranno pronti tra qualche giorno per verificare se sia pertosse o meno. siccome non mi sento affatto migliorata ma peggiorata perchè la notte gli attacchi sono continui e non riesco a dormire più di un'ora senza averne uno, ho deciso di chiedere una mano a voi. spero che rispondiate a questo messaggio cordiali saluti

Risposta di:
Dr. Giorgio De Bernardi
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Fisiopatologia e fisiokinesiterapia respiratoria
Risposta

La tosse è una difesa dell'apparato respiratorio, da noxae di differente origine, Si ha tosse per presenza nelle vie aeree di sostanze inalate (tipico quando bevendo capita che l'acqua "vada per traverso"), quando l'apparato respiratorio subisce l'aggressione di allergeni cui si è sensibilizzati, visus e batteri; quando si ha l'accrescersi di masse tumorali primitive o metastatiche; In caso di patologie vascolari (microembolie polmonari); in caso di crisi asmatica (in tal caso è assoluta la controindicazione all'uso di farmaci antitosse).

Non mi dice che tipo di aerosol ha fatto (mucolitico, fluidificante, cortisonico, con broncodilatatore). Potrebbe essere indicato nel suo caso (tosse notturna, sospetto di asma bronchiale), assumere dosi piene di un farmaco inalatorio contenente formoterolo e budesonide (il suo medico potrà prescriverglielo) e valutarne i risultati dopo una settimana. Se bene, continuare. Altrimenti approfondimento diagnostico. Un'ultima osservazione: esiste una tosse a genesi psichica, legata a stati d'ansia e/o somatizzazione, ma nel suo caso tenderei ad escluderla, in base alla sua lettera, chiara ed equilibrata.

Cordiali saluti.

TAG: Adulti | Apparato Respiratorio | Biochimica clinica | Esami | Farmacologia | Giovani | Gola | Infiammazioni | Malattie dell'apparato respiratorio | Pneumologia | Radiodiagnostica
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!