Salve, scrivo questa domanda per conto della mia ragazza, lei ha 28 anni e da 5 anni le è stata diagnosticata la Fibromialgia, ci sono momenti dove questo disturbo va meglio, momenti dove va peggio, in generale i momenti peggiori si associano a periodi di stress o di inattività fisica. Circa 2 mesi fa (12 Giugno) le è stato diagnosticato un eritema nodoso il quale è stato imputato o alla pillola anticoncezionale o ad un'infezione della gola, anche se sono soli ipotesi. L'eritema nodosi si è risolto totalmente nel giro di 10 giorni con l'applicazione di una pomata cortisonica e non è più ricomparso, tuttavia da due mesi a questa parte lei ha eseguito molti esami e molte visite per verificare il suo stato di salute e quale eventuale causa della comparsa dell'eritema nodoso. Circa una decina di giorni fa, dopo aver ricevuto le ultime analisi negative si è tranquillizzata e ha ripreso la sua vita normale tornando a camminare, a far lavoretti in casa e cose leggere di questo tipo appunto perchè da quando ha la Fibromialgia sta meglio se fa un po' di movimento. Al che sono comparsi alcuni sintomi che ci hanno fatto preoccupare, ha iniziato ad avere fastidio ad entrambe le caviglie ed entrambi i polsi (fastidio, non dolore) con alcune fitte dolorose (non molto) che corrono lungo tutto lo stinco (nel caso del dolore alla caviglia) e lungo tutto l'avambraccio (nel caso del dolore al polso). Tali fitte vengono casualmente e non sono associate in alcun modo al movimento, all'uso dell'articolazione, sono totalmente casuali. Infatti le articolazioni non sono assolutamente dolorose né al movimento né all'uso, non sono calde, ne gonfie, ne tumefatte ne fanno male al tatto. ne hanno alcun tipo di limitazione al movimento. Le fitte inoltre non partono dall'articolazione, ma sono distanti da esse alcuni centimetri, ad esempio per quanto riguarda la caviglia il dolore parte qualche centimetro sopra il malleolo e sale sullo stinco, mentre per quanto riguarda il polso vale lo stesso discorso, le fitte partono alcuni centimetri sopra l'articolazione corrono lungo l'avambraccio.Il fisiatra che l'ha visitata ha detto che tali dolori non provengono ne dall'articolazione ne dai tendini, ma sono dolori muscolari e non ha riscontrato alcun problema alle articolazioni dato che non sono dolenti al movimento, non sono limitate, non presentano né gonfiore, né rossore né sono dolenti al tatto, mentre invece ha riscontrato dolore al tatto in alcuni punti dei muscoli poco sopra l'articolazione (come ho specificato prima parlando delle fitte). Nonostante la visita rassicurante del fisiatra siamo comunque preoccupati, temiamo che possa trattarsi di Artrite Reumatoide (nonostante il parere contrario del fisiatra e nessun problema alle mani) per via del fatto che abbiamo letto che l'eritema nodoso (che ha avuto due mesi fa è si è risolto in breve) può associarsi all'Artrite Reumatoide.Per tal motivo abbiamo deciso di nostra spontanea volontà di eseguire l'esame del sangue per rilevare il Fattore Reumatoide, il quale è risultato essere negativo infatti si è rivelato essere 4 (valore di riferimento inferiore a 14) che è risultato più basso rispetto a 3 anni fa quando aveva fatto lo stesso test (al tempo era 10 su 14, comunque negativo). A parte il fattore reumatoide ha eseguito qualche settimana fa altri esami consigliati dal reumatologo per via dell'eritema nodoso che aveva avuto, tali esami sono: ematocrito completo (tutti i valori nella norma), PCR che è risultata negativa, un valore di 3,5 (valore di riferimento inferiore a 5), ANA ed ENA entrambi negativi, elettroforesi delle proteine (tutti i valori nella norma). Attualmente stiamo solo aspettando il risultato degli anti-CCP che arriverà tra qualche giorno, nonostante gli esami svolti sino ad ora siamo comunque preoccupati.Con questi esami che ho riportato e con i sintomi che ho descritto è possibile che sia un Artrite Reumatoide che si verifica in maniera atipica? Oppure possiamo andare tranquilli e pensare che sia tutto dovuto alla Fibromialgia e al periodo di stress e inattività degli ultimi due mesi? Ci tengo a precisare che fino ad ora non ha mai lamentato alcun tipo di rigidità mattutina o difficoltà a muovere qualunque tipo di articolazione.