Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

25-10-2006

Preg.mi dottori, volevo cortesemente chiedervi se

Preg.mi Dottori, volevo cortesemente chiederVi se il L-5h triptofano o il triptofano semplicemente sia innocuo o meno per il fegato e/o il cuore e se possa dare malattie. Io stavo assumendo un integratore a base di compresse di Griffonia Simplicifolia (non ricordo se si scriva esattamente così)che ne contiene abbastanza, le quali mi facevano molto bene sia per l'umore che per l' ansia, ma le ho smesse di colpo in quanto ho letto che negli U.S.A. la FDA lo ha proibito in quanto può provocare eosinofilìa-mialgia dall'esito letale, ed anche su alcuni siti medici viene detto che è nocivo. Altri dicono che fù una sola partita avvelenata da batteri in Giappone a farlo ritirare dal commercio, e poi non è stato più reintrodotto pur essendo innocuo. Insomma, qual è la verità: si puo' prendere o fà male? Qualora fosse innocuo una curiosità: essendo il triptofano un aminoacido precursore della serotonina che fà bene contro la depressione, come mai i neurologi e/o psichiatri prescrivono antidepressivi "chimici" (SSRI etc...) e non prescrivono detto triptofano, che, anche se con efficacia più lieve, è un aminoacido penso più "naturale" e, quindi, più sicuro? Vi ringrazio per la cortese risposta che vorrete darmi , con vive cordialità. V.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Non siamo al corrente di effetti nocivi del prodotto cui lei fa cenno. Tuttavia riteniamo che molto spesso si rilevano danni, anche epatici, dall’uso di integratori od erbe, che sembrano innocue, ma di cui si conosce davvero poco. Il triptofano di cui chiede informazioni è un precursore della serotonina, un neurotrasmettitore ubiquitario nell’organismo, con numerosi effetti, spesso attivo sull’umore e sui comportamenti. E’ necessario che ponga la questione allo specialista neurologo, esperto degli effetti di tali neuro-ormoni.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!