Buonasera,Sono una ragazza di trent'anni e da otto soffro di acne. All'inizio non ci ho dato molto peso perché la situazione non era abbastanza grave e quindi non sono andata mai a fare una visita .Nel 2013 la situazione sembra si stia aggravando ma per problemi economici che in quell anno affligevano me e la mia famiglia ho lasciato perdere per l'ennesima volta e non ho fatto nessuna visita.L'anno successivo io comincio a fare la dieta e a perdere 12 chili e sembrava che anche il problema dei brufoli si fosse risolto. Non ne avevo più! Nel 2016 il problema si ripresenta, con esso anche l'aumento di peso, così decido di andare finalmente dalla dermatologa! Lei mi prescrive in primis una visita ginecologica per vedere se effettivamente tutto potesse dipendere dalle ovaio policistico. Dalla visita risulta tutto ok,quindi la dottoressa mi prescrive soltanto una pomata e un antibiotico. Fatta questa cura, il problema sembra si si risolto finalmente e invece no! Nell'estate del 2017 il problema si ripresenta. Non vado dalla dermatologa e resto così per alcuni mesi perché poi il problema si risolve da solo. Ho comprato una crema alla bava di lumaca molto famosa e sembrava avesse risolto il problema. Invece si ripresenta nel 2019.Decido allora di andare dal medico di famiglia e lui mi prescrive di nuovo una visita ginecologica che anche stavolta risulta ok e mi dà nuovamente una (pomata miracolosa perché applicavo la pomata sul brufolo la notte e la mattina seguente il brufolo era già sparito e mi prescrive anche un antibiotico in pillole.) Sono stata benissimo fino a febbraio 2020 anche a distanza di un anno dall'aver preso la pomata e le pillole i brufoli non camparivano più. Tutto cambia da fine febbraio ,in concomitanza con l'arrivo del virus e delle mascherine. Ho una comparsa di brufoli che si concentrano tutti nei punti che vengono ricoperti dalla mascherina. Io non so se effettivamente possa essere questo a causarne la comparsa, anche perché io ci ho sempre sofferto per questa acne. Non saprei.