La stagione estiva è il periodo in cui cresce l’esigenza di sdraiarsi al sole, magari in spiaggia, così da godere degli effetti benefici, estetici e rilassanti dei raggi solari.

Bisogna, però, stare attenti all’esposizione solare se si soffre di pelle con acne. Conosci perché?

Acne e sole

L'acne è una patologia cutanea, che colpisce in particolar modo gli adolescenti ma anche gli adulti, caratterizzata da un processo infiammatorio del follicolo pilifero e della ghiandola sebacea annessa, che va a formare una papula infetta, chiamata comunemente brufolo o foruncolo.

Tuttavia, ogni pelle è diversa e risponde in modo individuale al sole. Per questo ci saranno persone che diranno che la loro pelle migliora al sole e altre che peggiora nei mesi caldi.

L’unica certezza è che un’eccessiva esposizione di questo tipo danneggia la pelle, essendo associata a rischi di invecchiamento e sviluppo di alcuni tipi di tumori cutanei.

Il sole fa bene o male all'acne?

Generalmente a migliorare col sole è la pelle che presenta acne seborroica o con lesioni pustolose superficiali. Infatti, il sole disidrata la pelle - anche quella grassa tipica dell’acne seborroica - e di conseguenza seccherà un po’ la cute (ma non è detto, perché le ghiandole sebacee potrebbero produrre maggiore sebo per riequilibrare l’idratazione causando una maggiore impurità sulla pelle).

In altri casi, la pelle acneica ha la tendenza a produrre dei tappi costituiti da cheratina che impediscono la fuoriuscita del sebo in eccesso che si accumula, formando comedoni. Il sole in questi casi accentua il processo infiammatorio aumentando l’ispessimento dello strato superficiale della pelle, provocando la formazione di comedoni e il peggioramento dell’acne.

Il caldo poi e la produzione di sudore possono creare un ambiente ideale alla proliferazione di batteri che causano infiammazioni cutanee associate all'acne.

Infine, c’è da dire che un miglioramento apparente dell’acne può essere associato all’effetto abbronzatura che tende a nascondere le imperfezioni della cute.

Consigli pratici per gestire l’acne in estate

  • Proteggere sempre la pelle con schermi solari adeguati e con il grado più opportuno di protezione dai raggi UV, sotto consiglio del dermatologo;
  • Scegliere prodotti specificamente formulati per la pelle a tendenza acneica dalla texture leggera e che proteggano senza ostruire i pori, aumentare la lucidità o esacerbare l'acne;
  • In caso di terapie per l’acne a base di antibiotici fotosensibilizzanti e acido retinoico è meglio evitare l’esposizione al sole;
  • Se si è al mare, è bene approfittare dei benefici dell’acqua salata, che agisce da antinfiammatorio e battericide, seccando anche la cute grassa;
  • Non schiacciare i brufoli. Il rischio è che si sviluppino altre infezioni batteriche e compaiano cicatrici;
  • Fare una volta alla settimana una maschera all’argilla per purificare la pelle;
  • In caso di pelle molto rovinata, si può ricorrere ad un make up specifico che garantisce una buona copertura e una protezione dai raggi solari.