Pur non essendo considerato un soggetto a rischio (facevo attività sportiva, normopeso, dieta equilibrata, non fumatore, non eredidarietà familiare, etc) il 2 gennaio 2008 ho subito 2 bypass coronarici (AMIS+IVA).Attualmente sono in terapia farmacologica con Raniben, TIKLID e Totalip.Recentemente ho rifatto gli esami diagnostici ematici di prassi che risultano quasi tutti nelle norma, tranne l'omocisteina che risulta a 30 mentre il riferimento è 15 (era la prima volta che facevo quest'esame).Il cardiologo che mi segue dice che tale risultato non mi deve preoccupare in quanto il valore dell'omocisteina (30) non è da considerare (attualmente) un parametro determinate. Vorrei conoscere un vostro parere im merito, e soprattutto sapere che importanza devo dare al valore dell'omocisteina e i relativi valori di "warning".Inoltre desidero sapere se è possibile eseguire un approfondimento specialistico al fine di accertare le cause che hannno determinato l'occulsione delle coronarie al 90%/95% senza mai aver avuto nessun tipo di sintomo/problema. Lo specialista che mi segue continua a ripetermi che devo stare tranquillo perchè è tutto OK e tutto sotto controllo. In realtà ripenso continuamnete a quello che mi è successo, e non riesco a farmene una ragione, sopratutto non mi convice che la medicina attuale (con tutti gli strumenti diagnostici che possiede) non sia in grado darmi una motivazione medica attendibile.Grazie.