Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

15-11-2002

Quali sono i rischi di trasmissione al feto del

Quali sono i rischi di trasmissione al feto del Virus (madre HCV RNA positiva)? Si può in qualche modo intervenire sul bambino appena nato? Ci sono notizie precise sull'opportunità dell'allattamento al seno, ed è vero che attraverso il latte materno si possono trasmettere anche anticorpi utili al bambino contro il virus stesso? Si possono/devono fare anche ricerche sulla maggiore o minore positività del virus della madre, che ha sempre avuto transaminasi nella norma? Molte grazie .
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Il virus dell'epatite C viene trasmesso al figlio dal 4% delle madri con infezione "attiva" (con HCV-RNA nel sangue e non solo con anticorpi anti-HCV). Le transaminasi non sono un buon indice di "infezione attiva" nella mamma, perché durante la gravidanza si normalizzano anche in mamme con "infezione attiva". Non ci sono prove che il virus sia trasmissibile con l'allattamento, per cui non si ritiene di proscrivere l'allattamento al seno da parte di madri infette, anche se, a mio parere, occorre evitare l'allattamento da parte di madri con ragadi o altre lesioni sanguinanti. Per identificare l'infezione nel bambino occorre ricercare l'HCV-RNA a 6 e 12 mesi dalla nascita. Gli anticorpi anti-HCV alla nascita sono positivi perché sono trasmessi dalla mamma al bambino. Non vi sono prove certe dell'esistenza di anticorpi protettivi contro l'HCV (anche se è probabile che esistano) pertanto non è dato sapere se questi anticorpi siano presenti nel latte materno e possano svolgere la loro azione preventiva con l'allattamento.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!