12-05-2008

Salve dottore! sono un ragazzo di 29 anni e da

Salve dottore! Sono un ragazzo di 29 anni e da circa 5 - 6 anni che mi è stata riscontrata un ernia iatale da scivolamento di 3cm, cardias incontinente ed esofagite da reflusso il tutto mi ha portato sempre ad attacchi di ansia e panico che ultimamente per fortuna sono quasi svaniti. Ho fatto varie volte ECG e analisi del sangue con esiti negativi ma da fine dicembre che accuso dei dolori pungenti sotto la scapola sx che si irradiano alle lateralmente alle costole, a volte senti il braccio indolensito e formicolio alle dita. Il dolore sorge appena sveglio e mi resta per quasi tutta la giornata ma la cosa peggiore è che il dolore pungente aumenta quando inspiro, singhiozzo o tossisco. Sono stato in pronto soccorso per ben 2 volte nell'arco di questi mesi e l'unica cosa che mi è stata diagnosticata è un dolore intercostale! A questo punto le chiedo se c'è un modo per alleviare questi dolori e se mai riusciro a togliermeli da sopra perchè sono davvero molto fastidiosi o se mi può consigliare che visita specialistica o altro dovrei fare! Come già letto in altre richieste di altri utenti mi sorge pensare che tutto sia dovuto allo stomaco e per questo il 14 Maggio ho una gastroscopia da fare! Mi scuso se ho allungato un pò troppo il discorso ma tenevo a essere più specifico possibile per rendere un idea completa del mio disturbo!
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
La sintomatologia da lei riferita non sembra essere correlabile con problematiche cardiache. Potrebbe essere opportuno eseguire rx torace ed eventuale visita fisiatrica/ortopedica.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!