12-01-2006

Salve sono un ragazzo di 25 anni e da agosto 2005

Salve sono un ragazzo di 25 anni e da agosto 2005 ho riscontrato alcuni problemi. qualke mese prima stavo facendo una cura dimagrante da una dietologa (sono 170 peso 108 kg) ma in agosto ho avuto la sconsideratezza di fare una dieta fai da te frutta e verdura... dopo poco tempo una specie di collasso alimentare... da allora facendo tutte le analisi nn ho riscontrato problemi solo un pokino di colesterolo ma poco sopra la norma... di seguito peggio la notte ed il giorno sudavo freddo insonnia e agitazione... cosi sono andato dal dottore di fiducia e ha trovato la pressione a 160/90 e mi ha consigliato una visita da cardiologo. anke lui ha diagnosticato circa 160/85 di pressione ed una leggera tachicardia così mi ha prescritto atenololo 100 mg un quarto di compressa al dì... e un consiglio di fare un eco color doppler... il risultato dell eco è stata buona il cuore in perfette condizioni ma un eccesso di adrenalina nel Sangue... fino ad ora sto continuando a prendere il betabloccante ma circa una volta al mese vengo colto da crisi di tachicardia 160/90 pressione 120 battiti al minuto e si calma dopo circa 20 min, forse un carico di Stress o forti emozioni... xò durante il mese la pressione varia da 140/70 a 125/65 da 60 a 70 bmp di mattina anke 52-54. Il medico di famiglia mi ha consigliato di prendere anke il lextotan gocce xké continua a dirmi ke il mio problema è solo una questione mentale Ansia e stress niente di patologico... volevo sapere da voi un vostro parere visto ke mi ispirate molta fiducia grazie...
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
La terapia in corso è adeguata, dal momento che Le è stato prescritto un farmaco (atenololo) che controlla sia la pressione arteriosa che la tachicardia. Visto che sussiste ancora una certa tendenza alla tachicardia ed all’ipertensione, il dosaggio del farmaco potrebbe essere aumentato a ½ compressa, se il suo medico è d’accordo. Prosegua la dieta sotto controllo specialistico, svolga un’attività fisica moderata (camminate quotidiane di un’ora) e faccia un uso moderato degli ansiolitici.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare