Gentile Dottore,Ad agosto 2005 ho fatto un check-up con prova da sforzo holter e ecocardio. Il referto dell'holter è il seguente:Frequenza media 84 battiti con un minimo di 52 ed un massimo di 136. Sporadici battiti ectopici sopraventricolari. Non battiti ectopici ventricolari. Non alterazioni del trastto ST-T. Il referto dell'eco è il seguente:Prolasso valvolare olosistolico di lieve entità più evidente a livello del lembo anteriore, normale coptazione dei lembi. Normali le valvole aortica, tricuspidale e polmonare Normali i flussi transvalvolari. Normali i diametri delle cavità cardiache e lo spessore delle pareti ventricolari. Buona funzione sisto-diastolica ventricolare, non deficit di contrattilità segmentaria. Non alterazioni del pericardio.Le analisi del sangue: colesterolo totale 185 trigliceridi 51Fumo mediamente 10 sigarette al giorno.Ha riposo ho sempre circa 80 battiti. Non faccio sport da circa un paio di anni.Ho 34 anni vorrei la sua opinione circa la mia tachicardia. Ultimamente mi capita di verificare circa 120 battiti dopo aver bevuto un paio di bicchieri di vino, e di avvertire durante la giornata qualche extrasistole ventricolare (pausa nel ritmo).Devo ripetere gli esami per valutare eventuali cambiamenti? O è giustificabile un aumento così alto del ritmo per assunzione di alcool e cibo?