24-02-2006

Salve, sono un ragazzo di 26 anni e questa è la

Salve, sono un ragazzo di 26 anni e questa è la seconda domanda che vi pongo. Premetto che sono un tipo ansioso e che soffro di attacchi da panico e che sto curando con frontal 0,50 e delle punture di samir 200. Da due anni non soffrivo più di ansia fino a quando tre mesi fa ho iniziato a sentire dei battiti irregolari: penso che si tratti di extrasistole. Ho fatto le analisi del Sangue e il controllo della tiroide e tutto risulta a posto. Ho anche fatto due elettrocardiogrammi ma tutto risulta a posto. Visto che gli ansiolitici non hanno avuto alcun effetto sulle Extrasistole come posso curarle? Il cardiologo mi ha detto che è un fattore ansioso e mi ha consigliato un beta-bloccante. Ma i Beta-bloccanti hanno un effetto positivo sulle extrasistole o esistono altre terapie? La ringrazio in anticipo per una sua esauriente risposta.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Il primo problema mi sembra essere quello della diagnosi. Nel suo caso l’esecuzione di un ECG dinamico Holter può essere utile per definire il tipo di aritmia presente. L’elettrocardiogramma di base non consente di norma un tempo di registrazione sufficiente e riconoscere la maggior parte delle aritmie. Anche un ecocardiogramma oltre a chiarire la eventuale presenza di condizioni che possono causare aritmie può indirizzare verso una diagnosi più precisa di quella attualmente possibile con i dati che lei mi ha indicato.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!