15-03-2006

Salve, sono una donna gravida alla 31 settimana;

Salve, sono una donna gravida alla 31 settimana; dalle ultime analisi si è riscontrata un'alterazione delle transaminasi: il 28 febbraio: got 55, gpt 115; 9 marzo: got 96, gpt 210. il ginecologo mi ha prescritto il medrol (8 mg al mattino, 4mg sera) e il deursil 300 (2 volte al giorno). se i valori con le analisi di oggi 10 marzo dovessero essere in rialzo dovrei ricoverarmi. ho già avuto l'Epatite A e la Mononucleosi e non bevo alcool, nè conduco una vita disordinata. vorrei sapere cosa può aver provocato questo rialzo,quali potranno essere i rimedi e se il bimbo (pesa 1800 grammi) può subire dei danni in caso le Transaminasi non rientrassero nella norma. spero in una vostra subitanea risposta, Francesca.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
La gravidanza normalmente non comporta alcuna alterazione delle aminotransferasi, che, quindi, rimangono generalmente normali o solo di poco alterate. Tuttavia si possono riscontrare a volte delle alterazioni delle aminotransferasi indicative di un’iniziale patologia epatica. In questo caso è necessario eseguire un approfondimento diagnostico al fine di verificare se tali alterazioni siano dovute ad un problema epatico intercorrente o preesistente alla gravidanza oppure se esse siano complicanze non dovute a patologie specifiche epatiche o se, infine, siano semplicemente espressione delle modificazioni “parafisiologiche” che si possono avere nella gravidanza non complicata. Bisogna, prima di tutto, quindi, distinguere i disturbi epatici in gravidanza in due gruppi principali. Quelli “da gravidanza” cioè provocate da modificazioni metaboliche che si verificano in gravidanza (epatopatia in corso di iperemesi gravidica del 1° trimestre, meno preoccupanti, e le patologie epatiche, clinicamente più rilevanti, che compaiono tipicamente nella seconda metà della gravidanza quali la colestasi intraepatica gravidica, la sindrome pre-eclamptica ed eclamptica, la steatosi epatica acuta della gravidanza). L’altro gruppo è rappresentato dalle malattie epatiche “in gravidanza” cioè casualmente concomitanti con la gravidanza o preesistenti alla gravidanza e slatentizzate da quest’ultima. La condizione che lei riporta necessita quindi di un approfondimento mediante ricerca di tutte le possibili cause di danno epatico (virus epatitici maggiori e minori, farmaci, condizioni preesistenti, latenti, di patologia epatica cronica) e monitoraggio frequente dei tests epatici. Tale condizione nel primo trimestre di gravidanza è solitamente più benevola rispetto alle fasi successive della gravidanza. Comunque il suo problema va valutato con la massima attenzione dal ginecologo insieme all’epatologo ed è necessario che sia integrato con tutta una serie di esami indispensabili per fare luce sui motivi che lo hanno determinato. Consulti quindi il suo ginecologo ed esegua esami ravvicinati per monitorare i valori delle transaminasi.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!