31-07-2012

SEGUIRNE L'EVOLUZIONE

Sono affetto da paresi di Bell lato dx. Sono passate da allora 6 settimane ed il quadro è rimasto invariato. In questo periodo di tempo ho fatto due cicli di Deltacortene, il primo all'insorgere della patologia per tre settimane, cominciando da 75 mg fino ad arrivare a 25 mg. Il secondo, siccome la terapia non aveva dato risultati, per circa due settimane, partendo questa volta da 100 mg. A quel punto ho consultato un altro medico specialista che mi ha consigliato di interrompere la cura, mantenendo soltanto la vitamina B e il Nicetile. Secondo Lei, è stata la terapia che non ha funzionato o dipende da qualcos'altro? E seconda domanda, non si dovrebbe scalare gradualmente fino ad arrivare alla dose minima? Al momento dell'interruzione ero sceso a 75 mg.RingraziandoLa per la Sua gentilezza, Le invio cordiali saluti.Edvino
Risposta di:
Dr. Pietro De Domenico
Specialista in Neurologia e Psichiatria
Risposta

L'esperienza clinica riporta che la maggior parte delle persone che hanno paralisi di Bell guarisce completamente entro nove mesi. In ogni casola terapia cortisonica non va effettuata per lungo tempo (di solito non oltre 10-15 giorni dall'esordio). Se la regressione non questo non avvenisse entro il  periodo suddetto, può essere richiesto un ulteriore trattamento, come ad esempio la terapia Mime, una forma di fisioterapia in cui il fisioterapista insegnerà al paziente una serie di esercizi che rafforzino i muscoli del viso, migliorando il coordinamento e la gamma di movimento. Questo tipo di trattamento ha avuto successo in una serie di casi paralisi di Bell, anche se può non essere adatto, o efficace, per tutti. Un'altra opzione di trattamento possibile, quale ultima ratio,  è la chirurgia plastica, volta non al ripristino della funzione del nervo, ma al miglioramento dell'aspetto e della simmetria del viso. Nel suo caso è troppo presto per trarre conclusioni, ma in ogni caso si affidi già da ora ad un buon neurologo che segua l'evoluzione del suo problema e che possa nei tempi giusti avviarla verso la soluzione migliore.

TAG: Malattie neurologiche | Neurologia