28-03-2006

Soffro da dieci anni di fibrillazione atriale

Soffro da dieci anni di Fibrillazione atriale parossistica, porto da tre anni un Pacemaker bicamerale, tre mesi fa ho subito l'ablazione della fibrillazione con (almeno finora) scarso successo. Da un paio di mesi mi si presenta uno strano problema che io tendevo ad attribuire ad una qualche staratura del pacemaker, staratura che pero' oggi l'aritmologo dopo un test completo del pacemaker con l'apposita apparecchiatura ha decisamente escluso ma senza formulare IPOTESI alternative: tutte le sere alla medesima ora e al medesimo minuto e secondo io percepisco una serie di 7-8 sensibili fitte cardiache intervallate di alcuni secondi. Altrettanto strano e' il fatto che ogni poche settimane la tempificazione di quelle fitte "slitta" in avanti di esattamente 30 minuti: in questo periodo la prima fitta si verifica precisamente alle ore 20:16, in precedenza si verificava alle 19:46, prima ancora alle 19:16. Quale potrebbe essere la causa, e quale la soluzione? Grazie in anticipo per l'attenzione.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Caro Lettore, la descrizione del suo disturbo sembra indicare un problema che per cadenza e caratteristiche sembra riferibile ad una qualche attività elettrica generata dal suo PM. Le suggerisco perciò di parlarne di nuovo con l’aritmologo di riferimento, magari con l’assistenza di un tecnico specializzato della ditta che produce l’apparecchio. La registrazione di un ECG di 24 ore potrebbe dare qualche ulteriore indicazione ma credo che un controllo approfondito del funzionamento del PM dovrebbe offrire una qualche risposta plausibile.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare