13-06-2018

Soffro di crisi di ansia?

Salve, sono un ragazzo di 32 anni. Premetto di essere una persona parecchio ansiosa. Per molti anni l'ansia non mi ha mai creato particolari problemi al di fuori di sensazioni di malessere lievi, ma niente di preoccupante. Da qualche mese invece a periodi alternati mi si presentano questi sintomi.. spesso di seguito ai pasti: gonfiore allo stomaco difficoltà a "spezzare" il fiato affanno battito accellerato sensazione di malessere mentale e leggera depressione. qualche mese fa capitavano solo ogni 2 mesi e per qualche giorno al massimo, ora capitano molto più spesso, ad intervalli di pochi giorni per migliorare questa condizione prendo 5 gocce di xanax prima di andare a dormire e devo dire che con le gocce la sensazione di malessere sparisce e riesco a riposare. Però d'altro canto capisco che non posso prendere lo xanax a vita o sentirmi dipendente da questo, vorrei risolvere il problema alla radice. cosa mi consigliate? ps. ho da circa 20 anni una forma di asma allergico e quindi le sensazioni di affanno sopracitate mi creano un ancor maggiore disagio quando arrivano.

Risposta di:
Dr. Emanuele De Vietro
Specialista in Psichiatria e Psicologia ad indirizzo medico
Risposta

Salve, gonfiore addominale, continuo senso di nausea con o senza vomito, dolore allo stomaco, fastidio all’intestino, episodi di diarrea potrebbero essere sintomi psicosomatici con ansia, percepita allo stomaco e all’intestino, soprattutto in situazioni di stress. Spesso i disturbi gastrointestinali da ansia possono essere accompagnati da reflusso gastroesofageo e debolezza con conseguente aggravamento delle somatizzazioni ansiose ovvero dei disordini gastrici e/o intestinali fino alla manifestazione di veri e propri sintomi depressivi. Oltre che tra reflusso, gastrite ed ansia è stata riscontrata, infatti, un’associazione tra reflusso gastroesofageo e depressione. Una sintomatologia caratterizzata da dolore al fianco destro o sinistro, stipsi alternata a diarrea viene spesso attribuita al colon irritabile (anche detto intestino irritabile). Nella cura dei sintomi del colon irritabile sembrerebbe fondamentale cercare di ridurre al minimo gli eventi stressanti, l’ansia evitando, tramite un’apposita dieta, determinati tipi di cibi, a causa dell’estrema suscettibilità dell’intestino. Le consiglio una psicoterapia cognitivo comportamentale per andare alla causa del suo problema di ansia, possibile depressione e ipocondria. Saluti

TAG: Adulti | Dieta | Disturbi dell'umore | Disturbi gastrointestinali | Effetti Collaterali | Esami | Farmacologia | Malattie psichiatriche | Nutrizione | Psichiatria | Psicologia | Psicosomatica | Salute mentale
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!