15-04-2008

Soffro di ipertensione [inizialmente: 190/100] e

Soffro di ipertensione [inizialmente: 190/100] e mi sto curando (da 10 anni con Seles beta con pochissimi risultati, tranne che per l'ottimizzazione delle pulsazioni cardiache) e da qualche giorno (poichè sono riandato dal medico vincendo la mia colpevole trascuratezza e in seguito a vertigini) con 1 cp di Seles beta 100 mg (la sera) e con 1 cp da 5 mg di TRIATENE (al mattino). Attualmente la situazione è questa: mattino: 165/85; sera: 150/85. Pulsazioni cardiache 55 (matt.) -78 (sera). In pratica, si è normalizzata la minima ma la max è ancora alta. Provo ad invertire le assunzioni oppure aumento il TRIATENE a 10 mg. Inoltre, è meglio avere pulsazioni basse durante la notte (assumendo il betabloccante la sera) oppure durante il giorno (assumendo il betabloccante la mattina)? Cordiali saluti e Grazie.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Immagino si tratti di TRIATEC. Direi comunque che sì, è meglio aumentarne il dosaggio. La pressione è ancora alta e necessita di opportuno controllo. Se non bastasse è utile l’associazione dell’ACE inibitore (Triatec) con diuretico. Sul controllo dei battiti non ho opinioni. Direi però che sarebbe saggio assumere tutta la terapia la mattina., almeno inzialmente ed integrerei la sera solo in caso di cattivo controllo pressorio.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato respiratorio | Malattie dell'apparato cardiovascolare