Leggi anche:
L'ipertensione arteriosa è un disturbo della pressione del sangue: una condizione molto diffusa che può essere controllata con stili di vita equilibrati.
14-03-2006

Sono affetta da epatite c con valori piastrinici

Sono affetta da Epatite C con valori piastrinici di norma di 60 - 70. Qualche settimana fa si è verificata per la prima volta una fibrillazione. Dopo un ricovero ospedaliero tale aritmia è rientrata e l'unico farmaco che mi è stato prescritto è il Triatec 5 mg in sostituzione del Eliten che già prendo da anni per ipertensione. Il cardiologo dell'ospedale mi ha consigliato una ablazione. Sentito il mio cardiologo di fiducia mi ha sconsigliato tale intervento trattandosi di evento verificatosi per la prima volta e considerando il mio quadro CLINICO relativamente alla mia Patologia epatica. Su quale parere mi devo orientare? Ci sono per me rischi per l'ablazione? Grazie.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
L’ablazione della fibrillazione atriale è una tecnica recentemente entrata nella pratica dei cardiologi. In buone mani è sicura, ma il risultato si ottiene in circa l’80% dei casi. Anche io preferirei valutare nel tempo se dovessero ripetersi crisi di fibrillazione atriale (quella che ha avuto potrebbe essere l’unica della sua vita!). Se dovesse ripetersi si assumerà una decisione più oculata (e nel frattempo sarà migliorata la tecnica e l’esperienza dell’ablazione).