21-03-2008

Sono donna di 76 anni. ho da diversi decenni una

sono donna di 76 anni. ho da diversi decenni una epatopatia cronica hcv correlata (hcv antigene fatto nel 1994) con valori delle transamminasi rimasti di poco superiori alla norma (20-30 max 50-60) fino a 8-10 mesi fa; le ultime analisi hanno evidenziato un incremento delle transamminasi a volori superiori a110-120; l'HCV RNA è risultao essere pari a 2.800.000 copie / ml; dalle ecografia epato bilare il fegato è risultato di dimensioni aumentate, con tipici segni derivanti da una epatite cronica, ma senza lesioni eveidenti (l'ecografista mi ha consigliato di effettuare una tac per vedere meglio). volevo sapere se è consigliabile e/o possibile effettuare una terapia per ridurre la carica virale ( per esmpio interferone + ribavirina) e cosa mi aspetta se non faccio ciò. l'elevata carica virale con le transamminasi elevate mi porterà ad avere danni epatici? quali e presumibilmente in che tempi? vi ringrazio anticipatamente.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Riteniamo che sia senza dubbio consigliabile e possibile effettuare una terapia antivirale (interferone e ribavirina) per eradicare l’infezione. Il non farla potrebbe esporla al rischio di progressione della malattia fino a danni epatici più seri.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna