Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

26-10-2012

sono io a non capirla ?

Salve avrei bisogno di sottoporre una domanda.Da un anno frequeno una ragazza di 35 anni madre di una bimba di 6 fin dall'inizio ho notato cose strane in lei e non mi sono mai lasciato andare veramente fino a pochi mesi fà quando me ne sono innamorato. Il suo background è il seguente:dall'età di 22 annianoressica,e bulimica ( ha rifiutato le cure in comunità), usato sostanze stupefacenti di utti i tipi. Storie amorose varie a parte il marito del quale dice di non essere stata mai innamorata (padre) ragazzo eccezionale, ha avuto due storie a suo dire importantissime con due ragazzi usciti da una comunità di recupero e sono terminate una con 60 gg di ospedale ed un processo dove lei ha preferito non andare oltre (addirittura gli ha fatto piacere rivederlo perchè l'unico uomo che l'ha fatta sentire una principessa) ed una con la morte per overdose. Poi sono arrivato io e da quando ho capito le problematiche ho cercato di stargli vicino ma mantenendo un certo distacco per paura (ha avuto atteggiamenti aggresivi di gelosia per cose assolutamente non vere) ed ora mi ha lasciato perchè non le ho dato quell'amore giusto.Ora lei va in cura da 2 psichiatri ASL uno per l'alimentazione (ogni 15gg) ed uno per il BDL (1-2 volte al mese) dopo un mese ha smesso il cipralex perchè dice che gli inibisce anche la sfera sessuale e non vuole essere frigida con me. Lei afferma che si stà riprendendo (ha sofferto moltissimo per la morte del convivente 2 anni fà ed ancora ci soffre, forse' perchè non ha chiuso lei la storia?) e che sono io a non capirla perchè ha toccato il fondo ed ora vuole una vita normale con un uomo che la coccoli con il quale condividere la quotidianità perchè si sente sola e non ha amici.Ora mi chiedo può essere vero? Posso crederle?Premetto anche che ha ricominciato ad andare in palesra ma ha smesso subito perchè orari imposti.Spero in una risposta grazie
Risposta di:
Dr. Vittorio Tripeni
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Risposta
Gentile utente, suggerisco di fare un ultimo tentativo e provare a mettersi nei panni della signora (ragazza di 35 anni). Lei avrebbe fiducia di un partner che la vede soprattutto come un caso clinico? Io non mi fiderei e così eviterei di soffrire con troppa facilità.
TAG: Psicologia | Salute mentale | Terapie
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!